Giornali: notizie dell'ultima ora

Chiusi fino a Pasqua
Oggi 30-03-20, 21:23

Chiusi fino a Pasqua

Lo diceva chiaramente ad Huffpost il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo: “La chiusura di molte attività, che abbiamo recentemente disposto, dovrà sicuramente protrarsi. La riapertura è prematura”. Ma erano tante e concordanti le fonti nel governo che confermavano a metà pomeriggio questa linea: il dibattito su cosa e come riaprire non è all’ordine del giorno, se non riguardo a limitatissime e specifiche filiere. Un dibattito che pure era aperto, e sul quale è intervenuto all’ora di cena a gamba tesa il ministro della Salute Roberto Speranza:“Nella riunione svoltasi stamattina con il comitato tecnico scientifico è emersa la valutazione di prorogare tutte le misure di contenimento almeno fino a Pasqua”. Un modo per mettere il parere degli esperti come diga al possibile farsi strada di pareri contrari. Dal 3 aprile l’Italia rimarrà ferma per almeno altre due settimane. Solo in prossimità della Pasqua si inizierà a ragionare su uno sblocco, che sarà comunque mirato e graduale. Un indirizzo condiviso con Giuseppe Conte: “Il governo - ha aggiunto Speranza - si muoverà in questa direzione”. Fine del dibattito.Il premier ha chiesto a tutti i ministri di far pervenire entro la mattinata di martedì sulla sua scrivania le valutazioni su urgenze e aree che soffrono meno. Da Palazzo Chigi confermano che è cosa di queste ore una valutazione approfondita e onnicomprensiva su come e quando riaprire con gradualità. Ma spiegano anche che, alla luce dello scenario attuale, non è argomento all’ordine del giorno della prossima settimana. Il sentiment è chiaro: dopo la scelta del lockdown, non portare fino in fondo questa linea e prestare il fianco a un’ondata di ritorno della diffusione segnerebbe la fine politica di qualunque velleità di condurre la ricostruzione.Il premier è rimasto scottato dalle critiche sulla progressività delle misure adottate. Chi lo conosce bene spiega che non ha alcuna intenzione di prestare il fianco a quel che potrebbe succedere dal punto di vista del contagio nel caso di una riapertura troppo accelerata. Dal Pd, ma soprattutto dal Movimento 5 stelle, arrivano parole di fuoco sul pressing in questo senso di Matteo Renzi. “Procedere con la leggerezza sarebbe da irresponsabili - attacca una fonte di governo pentastellata – la bussola del presidente del Consiglio ha sempre avuto la tutela della salute come suo Nord”.D’altra parte è pur vero che tutti gli scenari possibili sono al vaglio in queste ore nei briefing di governo. Si ragiona sul dettaglio: la riapertura delle singole filiere, la distinzione delle zone geografiche prendendo a riferimento l’andamento del virus, anche la differenziazione – che al momento non sembra intercettare un ampio consenso – per fasce d’età. Conte le sta vagliando, ma al contempo tira il freno a mano.Una discussione è in corso, coinvolgendo anche imprese e sindacati. Al momento tuttavia riguarda solo le filiere cosiddette “secondarie”, vale a dire quelle che sono di supporto a chi produce beni di prima necessità. Da Confindustria è forte la spinta a sbloccare il settore che produce macchine agricole e utensili industriali, i “pezzi” di ricambio per le fabbriche. Questa, come alcuni altri codici Ateco, potrebbe essere sbloccata. Un esponente di governo che sta da oltre un mese sul dossier spiega: “Per come stanno le cose fino a dopo Pasqua non si apre nulla. Se il comitato tecnico scientifico nei prossimi giorni dirà che i dati sui contagi ce lo consentono, vale a dire se il coefficiente che li determina sarà sceso sotto uno, valuteremo qualche riapertura limitata”.La priorità sanitaria stride con la situazione economica che va via via peggiorando. Oggi è il turno di Federacciai. Il presidente Alessandro Banzato, in una intervista all’Ansa, ha levato un grido di preoccupazione: “Da noi il 95% è fermo, in Francia e Germania si continua a produrre, rischiamo di essere tagliati fuori”. Questione questa che, insieme alle tante altre emerse negli ultimi giorni, è all’attenzione del governo. “Qualcosa si farà – spiega una fonte dell’esecutivo – ma di molto limitato. Qualcuno protesterà, e capisco già da ora quel tipo di punto di vista, ma non potremmo fare altrimenti”.
Fca, John Elkann e il cda rinunciano a compenso fino a fine anno
Economia
Oggi 30-03-20, 21:22

Fca, John Elkann e il cda rinunciano a compenso fino a fine anno

"Proteggere la salute finanziaria dell’azienda è responsabilità di tutti, a partire naturalmente da me e dal team di leadership. Al fine di raggiungere questo obiettivo e per evitare una riduzione del personale nel secondo trimestre, dal mese di aprile e per i prossimi tre mesi ridurrò il mio stipendio del 50% e i membri del Group Executive Council (Gec) ridurranno il loro del 30%". Lo annuncia lad di Fca, Mike Manley, che in una lettera ai dipendenti, resa nota da fonti sindacali, ricorda limpegno del gruppo per contrastare il diffondersi del Coronavirus creando "un ambiente sano e sicuro" e lavorando "per salvaguardare limpiego del personale a tempo indeterminato di Fca"
Coronavirus: Speranza: 'Misure estese fino a Pasqua'. D'Incà: 'Nuovo decreto da 25 miliardi entro il 16/4'
Economia
Oggi 30-03-20, 21:22

Coronavirus: Speranza: 'Misure estese fino a Pasqua'. D'Incà: 'Nuovo decreto da 25 miliardi entro il 16/4'

Pubblicate circolari su cig, congedi e bonus baby sitter. Catalfo: 'Dal primo aprile domande bonus 600 euro'
Coronavirus: Lo Curto (Udc), no a uso fondi Ue destinati a Sud
Oggi 30-03-20, 21:21

Coronavirus: Lo Curto (Udc), no a uso fondi Ue destinati a Sud

Leggi tutto Coronavirus: Lo Curto (Udc), no a uso fondi Ue destinati a Sud su Notizie.it.
Coronavirus: Lo Curto (Udc), 'no a uso fondi Ue destinati a Sud'
Oggi 30-03-20, 21:21

Coronavirus: Lo Curto (Udc), 'no a uso fondi Ue destinati a Sud'

Palermo, 30 mar. (Adnkronos) - "Occorre immediatamente mettere in mora il governo Conte da qualsiasi tentativo di utilizzare, anche temporaneamente, i fondi dell'Unione Europea destinati allo sviluppo delle Regioni meridionali per utilizzarli come fonte di finanziamento delle misure nazionali contro la pandemia a beneficio anche del resto del Paese. Il Sud sconta già ritardi impressionanti e non potrebbe accettare una soluzione che lo penalizzi ancor di più". A dirlo è Eleonora Lo Curto, capogruppo dell'Udc all'Assemblea regionale siciliana, che aggiunge: "Dopo la fine dell'emergenza sanitaria, si dovrà ricostruire il tessuto economico e produttivo e solo la leva dei fondi comunitari potrà far rialzare tempestivamente il Sud".  "Gli aiuti che il governo sta ponendo in essere devono essere finanziati con fondi statali - dice ancora la parlamentare centrista -, anche con il ricorso al debito, giammai con le risorse dell'Ue destinate alle regioni con gap infrastrutturale ed economico. Così come deve valere questo principio che renda intangibili i fondi dei Piani di sviluppo europei, l'Italia con il governo Conte deve adoperarsi per varare da subito un condono tombale per tutti i tributi e le imposte che i cittadini devono all'Agenzia dell'Entrate-Riscossione. La pandemia traccerà una linea che dividerà il passato, dal futuro prossimo. Occorre un reset generale che dia a tutti gli italiani la speranza ed anche la certezza di poter guardare alla ricostruzione senza zavorre". 
Olanda, dipinto Van Gogh rubato in un raid notturno in museo
Oggi 30-03-20, 21:20

Olanda, dipinto Van Gogh rubato in un raid notturno in museo

Un dipinto di Vincent van Gogh, 'Spring garden', è stato rubato nella notte dal museo Singer Laren, vicino ad Amsterdam, che era chiuso a causa della …
Coronavirus, Gionnyscandal porta la spesa ai bisognosi di Meda
Oggi 30-03-20, 21:20

Coronavirus, Gionnyscandal porta la spesa ai bisognosi di Meda

Appello solidale del rapper Gionnyscandal, che ha deciso di scendere in campo con il suo contribuito per l’emergenza coronavirus nel suo comune, …
Coronavirus, maschere da sub convertite in respiratori e mascherine
Oggi 30-03-20, 21:20

Coronavirus, maschere da sub convertite in respiratori e mascherine

Maschere da sub che diventano forniture mediche (mascherine ma anche respiratori) me aiutare nella lotta contro il nuovo coronavirus. Al lavoro due …
MotoGP, coronavirus. L'appello della Ducati da Dovizioso a Dall'Igna: #distantimauniti
Oggi 30-03-20, 21:19

MotoGP, coronavirus. L'appello della Ducati da Dovizioso a Dall'Igna: #distantimauniti

Tutto il team di Borgo Panigale, dai due piloti ufficiali Dovizioso e Petrucci, fino all'ingegner Dall'Igna, hanno preso parte a un video messaggio per lanciare un importante appello a tutti i fan del Motomondiale: durante questa emergenza causata dal coronavirus, è fondamentale restare tutti a casa. #distantimauniti CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA
Coronavirus, nave ospedale USNS Comfort arriva a New York
Oggi 30-03-20, 21:19

Coronavirus, nave ospedale USNS Comfort arriva a New York

La USNS Comfort, la nave ospedale militare inviata dal presidente Donald Trump a sostegno delle operazioni di contrasto alla diffusione della …
Coronavirus, Daniela Martani la spara grossa su Twitter: "Non mi infetto, sono vegana"
Oggi 30-03-20, 21:19

Coronavirus, Daniela Martani la spara grossa su Twitter: "Non mi infetto, sono vegana"

Il Covid-19 è un nuovo tipo di coronavirus, sconosciuto anche ai medici. Il virus è ancora in fase di studio per capirne origine e cura e in queste settimane abbiamo sentito tantissimi esperti riportare una mole enorme di informazioni, a volte contraddittorie. Nessuno finora aveva ancora detto che i vegani fossero immuni, infatti non è così, ma Daniela Martani sembra essere particolarmente convinta di questa sua tesi in una discussione su Twitter con Roberto Burioni.L'attivista vegana ha contestato il virologo sui social, asserendo che la vitamina C e la vitamina D siano importanti contro il coronavirus. La Martani ha ripreso la teoria di Stefano Montanari ma qualcuno ha avuto da ridire per le critiche mosse nei confronti di Burioni. "Se sfortunatamente ti infetterai, curati con le arance", le ha scritto un utente di Twitter. A lui, Daniela Martani ha dato la risposta che nessuno si sarebbe mai aspettato: "Non mi infetto, sono vegana." L'attivista ha spiazzato molte persone con le sue parole e satenato una valanga di commenti ai quali, in più riprese, non si è tirata indietro dal rispondere. A chi le ha fatto notare di aver detto un'inesattezza, perché ci sono anche persone vegane che sono state contagiate dal coronavirus, l'attivista ha dato un'argomentazione piuttosto superficiale della sua convinzione: "Sono andata su e giù per Milano per tutto il mese di febbraio. Sono andata in ospedale da mia madre per un intero mese durante il picco del virus e sto bene, quindi...""Nella discussione è intervenuto anche il giornalista Francesco Canino, penna di Panorama e Panorama.it, che non ha potuto fare a meno di far notare a Daniela Martani il messaggio sbagliato che sta diffondendo sul coronavirus: "Daniela, ma ti rendi conto della gravità delle cose che scrivi?" Anche a lui, l'attivista ha risposto a tono senza mai fare un passo indietro sulle sue convinzioni ma, anzi, ribadendole e citando Ippocrate: "In un mondo carnista, la verità è dura da accettare e capisco. Persone illuminate hanno detto: 'fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo'. Ippocrate, 300 a.C. Le proteine animali sono la causa di quasi tutte le malattie non trasmissibili, che lo accettiate o no." Non è certo la prima volta che le affermazioni di Daniela Martani provocano scompiglio in rete.Non mi infetto sono vegana- daniela martani (@danielamartani) March 29, 2020
Coronavirus: Tajani, Parlamento ungherese sovrano, problema assenza Ue
Oggi 30-03-20, 21:19

Coronavirus: Tajani, Parlamento ungherese sovrano, problema assenza Ue

Leggi tutto Coronavirus: Tajani, Parlamento ungherese sovrano, problema assenza Ue su Notizie.it.
Coronavirus, indennità estese e stop Imu: le misure allo studio
Oggi 30-03-20, 21:17

Coronavirus, indennità estese e stop Imu: le misure allo studio

I provvedimenti sul tavolo del governo per il decreto di aprile
Cura Italia, Ordine Avvocati di Napoli: “Il decreto attuativo esclude da aiuti i giovani iscritti alle casse private nel 2019, rimediare”
Oggi 30-03-20, 21:15

Cura Italia, Ordine Avvocati di Napoli: “Il decreto attuativo esclude da aiuti i giovani iscritti alle casse private nel 2019, rimediare”

La bozza del provvedimento firmato da Nunzia Catalfo e Roberto Gualtieri - non ancora in Gazzetta - stabilisce che l’indennità sarà versata ai lavoratori che nel 2018 hanno registrato un reddito inferiore a 35mila euro e sono in regola con i contributi alla loro cassa. Di conseguenza "paiono irragionevolmente esclusi i professionisti iscritti alle casse professionali private (e quindi agli albi professionali) nell'anno 2019 e in questo scorcio del 2020" L'articolo Cura Italia, Ordine Avvocati di Napoli: “Il decreto attuativo esclude da aiuti i giovani iscritti alle casse private nel 2019, rimediare” proviene da Il Fatto Quotidiano.
"In Gb niente allarmismo, ma paura per contagi in ospedale"
Estero
Oggi 30-03-20, 21:15

"In Gb niente allarmismo, ma paura per contagi in ospedale"

Francesco Curridori Francesca, dottoressa italiana che lavora a Londra, ci racconta come la Gran Bretagna sta affrontando lemergenza coronavirus e dice: "Sono stati sospesi tutti gli interventi chirurgici per paura dei contagi" "È importante per me essere esplicito: sappiamo che le cose peggioreranno prima di migliorare". Il primo ministro inglese Boris Johnson, che qualche giorno fa è risultato positivo al coronavirus, è stato molto schietto e diretto nel rivolgersi ai suoi concittadini con una lettera in cui esprimeva i suoi timori per lespandersi dei contagi. “Se troppe persone si ammalano seriamente contemporaneamente, il servizio sanitario nazionale non sarà in grado di farcela”, ha ammesso il premier conservatore. Per capire meglio la situazione della sanità nel Regno Unito, dove finora ci sono oltre 22mila contagiati e 1408 vittime, abbiamo raccolto la testimonianza di Francesca (nome di fantasia), una giovane dottoressa italiana che da qualche mese lavora al Princess Royal University Hospital, un ospedale di Londra Sud. “Qui da un lato l’organizzazione è massima, ma dall’altro ci sono tante piccole cose che purtroppo sfuggono perché le cose a cui pensare sono tante”, racconta Francesca che ogni giorno opera in prima linea in pronto soccorso. “Noi ogni giorno lavoriamo su più fronti e siamo esposti a vari rischi, mentre avrebbe più senso assegnare a ognuno di noi un compito”, rivela il medico italiano che, per il momento, ricopre il ruolo di junior doctor. “A me è capitato di lavorare anche in rianimazione, anche se in questo ospedale ho iniziato a lavorare da pochi mesi”, aggiunge precisando, però, di non essere stata mandata allo sbaraglio. “Tutti facciamo tutto dove c’è bisogno, ma non mi sono mai sentita lasciata da sola. Sono sempre stata supportata da un supervisore a cui si devono riferire tutte le scelte diagnostiche, cliniche e investigative”, ha chiarito la dottoressa italiana, visibilmente meravigliata anche dell’umiltà e della disponibilità, dimostrata anche da chi svolge abitualmente altre mansioni, a dedicarsi anima e corpo per superare l’emergenza. “È molto bello vedere tante persone, ortopedici o dermatologi, mettersi in gioco e venire a lavorare al mio stesso livello nei reparti di medicina e medicina d’emergenza”. Il rischio di contagi in ospedale, però, è molto elevato e, perciò, chi teme di aver contratto il coronavirus deve prima chiamare il numero unico d’emergenza, l’111, descrivere i propri sintomi e, solo dopo, si valuta se il malato deve recarsi in ospedale oppure restare a casa. “La maggior parte delle persone, grazie a Dio, non ha bisogno di venire da noi e, quindi, si cerca sempre di limitare il loro ingresso in ospedale dove, comunque, si viene subito indirizzati nell’area Co-virus” che ormai “copre i ¾ dello spazio del pronto soccorso”. Almeno per il momento Londra non sembra soffrire per la mancanza di mascherine, ventilatori o posti letto, ma in via precauzionale “sono state annullate tutte le operazioni chirurgiche, persino quelle per gli oncologici, perché chiunque entrava in ospedale si beccava il coronavirus”. E, se da un lato il tampone viene fatto solo ai pazienti che sono ammessi in ospedale, dall’altro lato “almeno nella struttura dove lavoro – dice Francesca - viene eseguito a tutto il personale medico e sanitario con sintomi perché dobbiamo essere sicuri che nessuno di noi abbia il coronavirus”. Nel Regno Unito, da circa una settimana, vige un lockdown totale molto simile a quello italiano e il governo inglese ha preannunciato che, molto presto, potrebbe inasprire le restrizioni. Al momento gli inglesi possono uscire solo per fare attività fisica una volta al giorno e per fare la spesa, ma non sembrano avvertire ancora il reale pericolo del coronavirus. “Non vedo allarmismo o pesantezza, solo molta attenzione a livello psicologico anche in ambito lavorativo”, dice Francesca, stupita dal cospicuo numero di persone che ancora si vedono in giro. “Le strade non sono deserte e i parchi sono aperti, anche se devo dire che gli inglesi, piano piano, stanno aprendo gli occhi”, prosegue la dottoressa italiana, consapevole del fatto che, soprattutto a Londra, molte persone vivono in spazi veramente ristretti e, quindi, inevitabilmente necessitano di prendere una boccata d’aria. Insomma, le precauzioni che gli inglesi stanno prendendo sono ancora contraddittorie. Da un lato rispettano le distanze all’ingresso dei supermercati, ma non tutti hanno i guanti oppure usano la mascherina solo nei luoghi pubblici. “Dentro il supermercato, però, magari, trovi un tavolo con lo scottex e l’igienizzante con cui pulire il carrello della spesa”, dice Francesca. Speciale:  Coronavirus focus Persone:  Boris Johnson Luoghi:  Gran Bretagna
Coronavirus: gli Stati Uniti chiusi fino a maggio. Oltre 35 mila le vittime nel mondo
Oggi 30-03-20, 21:15

Coronavirus: gli Stati Uniti chiusi fino a maggio. Oltre 35 mila le vittime nel mondo

Afp, in Europa 400 mila i casi confermati. La Spagna supera la Cina per numero di contagi. In India caccia agli europei, "untori del virus"
Covid-19, autorizzato negli Stati Uniti l'uso di farmaci antimalaria
Salute
Oggi 30-03-20, 21:15

Covid-19, autorizzato negli Stati Uniti l'uso di farmaci antimalaria

Negli Stati Uniti la Food and Drug Administration (Fda) ha rilasciato un'autorizzazione d'emergenza per l'uso dell'idrossiclorochina e della clorochina, i due farmaci contro la...
Coronavirus, Speranza: "Misure saranno estese fino a Pasqua" - TGCOM
Oggi 30-03-20, 21:15

Coronavirus, Speranza: "Misure saranno estese fino a Pasqua" - TGCOM

★ Coronavirus, Speranza: "Misure saranno estese fino a Pasqua"  TGCOM
Coronavirus, Speranza: Misure verranno estese fino a Pasqua
Oggi 30-03-20, 21:14

Coronavirus, Speranza: Misure verranno estese fino a Pasqua

"Nella riunione del Comitato tecnico scientifico svoltasi lunedì mattina è emersa la valutazione di prorogare tutte le misure di contenimento almeno …
Atlanta Hawks: De’Andre Hunter, una serie per raccontare il suo arrivo in NBA
Oggi 30-03-20, 21:14

Atlanta Hawks: De’Andre Hunter, una serie per raccontare il suo arrivo in NBA

Tre episodi, partendo dalle esperienza da ragazzo a Philadelphia fino alla notte del Draft in cui gli Hawks hanno scelto di puntare su di lui: il rookie di Atlanta si racconta, nella speranza di poter dare un punto di vista inedito a tutti gli appassionati
Sono le Venti (Nove), dentro la terapia intensiva dell’ospedale Covid di Tortona: “Turni di 12 ore. Noi ci crediamo, ogni dimissione è una vittoria”
Cronaca
Oggi 30-03-20, 21:14

Sono le Venti (Nove), dentro la terapia intensiva dell’ospedale Covid di Tortona: “Turni di 12 ore. Noi ci crediamo, ogni dimissione è una vittoria”

Nel primo presidio Covid del Piemonte ogni giorno si combatte. Siamo nell’ospedale di Tortona dove sono stati allestiti dei posti di terapia intensiva proprio per far fronte all’emergenza coronavirus. Le telecamere di Sono le Venti sono entrate dentro al reparto, dove medici infermieri e sanitari lavorano 12 ore al giorno per tenere in vita i […] L'articolo Sono le Venti (Nove), dentro la terapia intensiva dell’ospedale Covid di Tortona: “Turni di 12 ore. Noi ci crediamo, ogni dimissione è una vittoria” proviene da Il Fatto Quotidiano.
Il furto del Van Gogh in Olanda e altri «colpi» recenti: la sicurezza dei musei in tempo di quarantena
Cronaca
Oggi 30-03-20, 21:13

Il furto del Van Gogh in Olanda e altri «colpi» recenti: la sicurezza dei musei in tempo di quarantena

Preso di mira un piccolo museo olandese. Solo a metà marzo un altro episodio in Inghilterra. L’emergenza sanitaria aumenta i rischi per l’arte?
Vaticano, positivo al coronavirus il cardinale De Donatis, vicario del Papa per diocesi Roma
Attualità
Oggi 30-03-20, 21:13

Vaticano, positivo al coronavirus il cardinale De Donatis, vicario del Papa per diocesi Roma

Il cardinale Angelo De Donatis è risultato positivo al coronavirus. É il vicario di papa Francesco per la diocesi di Roma; è stato sottoposto al test perché aveva manifestato dei sintomi da Covid-19, è stato ricoverato nel Gemelli di Roma. Questa mattina il Pontefice ha incontrato un udienza privata il premier italiano Giuseppe Conte.Continua a leggere
Tav: Nicoletta Dosio lascia carcere per domiciliari
Cronaca
Oggi 30-03-20, 21:12

Tav: Nicoletta Dosio lascia carcere per domiciliari

Pasionaria No Tav chiede beneficio e torna a casa in Val Susa