Giornali: notizie dell'ultima ora

Riscatto laurea agevolato, ridotti i benefici: cosa cambia con la nuova circolare Inps
Oggi 24-01-20, 10:06

Riscatto laurea agevolato, ridotti i benefici: cosa cambia con la nuova circolare Inps

Riscatto laurea agevolato, ecco cosa cambia Il riscatto della laurea diventa un po’ più morbido in seguito alla circolare 6 del 22 gennaio 2020 che ha divulgato l’Inps. In tale circolare, sono chiariti definitivamente i dubbi circa il decreto legge 4/2019 che ha introdotto la possibilità di recuperare gli anni dello studio universitario nel conteggio […]
"L'addio Di Maio ha scosso tutti ma siamo a una svolta", dice Crippa
Politica
Oggi 24-01-20, 10:04

"L'addio Di Maio ha scosso tutti ma siamo a una svolta", dice Crippa

“L'addio di Luigi Di Maio ha scosso tutti, ma siamo a un punto di svolta. È nato un percorso molto partecipativo e questa fase culminerà negli Stati generali”. Lo dice Davide Crippa, capogruppo dei 5 Stelle alla Camera, in un'intervista a La Stampa nella quale si augura che Di Maio “darà il suo contributo con l'esperienza e le capacità che ha maturato, ma non dobbiamo più legare un nome a un percorso politico” per concentrarsi invece “sul ‘cosa' cambiare” per poi pensare “al ‘chi', come ha detto Luigi”, spiega il capogruppo a Montecitorio. Se l'era del capo politico solo al comando sia finita Crippa non lo sa con certezza. Risponde solo: “Valuteremo tutti insieme i pro e i contro” anche se è cosciente che “quando ci sono più persone a decidere, si rischia di ingessare problemi che vanno risolti rapidamente” e lui, per questo, si dice favorevole alla “collegialità”, anche se in passato “ai tempi del Direttorio, riconosco ci abbia portato alcuni problemi” ammette. Quanto a Di Battista, Crippa si augura che “anche lui dia un contributo agli Stati generali”, poi però gli sembra quasi ovvio che “oggi la nuova forza di maggioranza cambi alcuni equilibri”. Verso dove è forse ancora presto per poterlo dire.    
Sapete quali sono le abitudini alimentari della Regina Elisabetta?
Oggi 24-01-20, 10:03

Sapete quali sono le abitudini alimentari della Regina Elisabetta?

Tra alimenti banditi e frutta tagliata con le posate, le abitudini alimentari della Regina Elisabetta sono davvero uniche nel loro genere.
Innocenti e carcere, Bonafede replica: "Parlavo degli assolti"
Primo Piano
Oggi 24-01-20, 10:02

Innocenti e carcere, Bonafede replica: "Parlavo degli assolti"

Il ministro interviene su Facebook dopo la polemica sulle affermazioni in studio. Il tweet di Gaia Tortora con la richiesta di chiarimenti
NBA All-Star Game 2020, le maglie per il weekend delle stelle. FOTO
Oggi 24-01-20, 10:02

NBA All-Star Game 2020, le maglie per il weekend delle stelle. FOTO

Sono state svelate le maglie che verranno indossate nel prossimo weekend dell’All-Star Game. Una linea di 8 completi ispirati alla Transit Line, il sistema ferroviario che unisce la città di Chicago. I colori delle linee sono alla base di ogni divisa: ecco cosa indosseranno gli All-Star, le Rising Star, le Celebrità e gli eventi speciali di NBA Cares con Special Olympics
Zingaretti a Salvini: "Prima di fare domande al citofoni rispondi tu: 'Dove sono i 49 milioni?'"
Oggi 24-01-20, 10:01

Zingaretti a Salvini: "Prima di fare domande al citofoni rispondi tu: 'Dove sono i 49 milioni?'"

Nicola Zingaretti a Bologna a un evento a sostegno del governatore emiliano Stefano Bonaccini si rivolge a Matteo Salvini. "A chi si aggira per le …
Bibbiano, la sfida delle due piazze. Santori (Sardine): “Di là marketing su caso giudiziario”. Leghisti: “Vinciamo noi, basta coi comunisti”
Politica
Oggi 24-01-20, 10:01

Bibbiano, la sfida delle due piazze. Santori (Sardine): “Di là marketing su caso giudiziario”. Leghisti: “Vinciamo noi, basta coi comunisti”

“Da oggi Bibbiano è nostra, anzi vostra”. Non ha dubbi Mattia Santori, uno dei fondatori delle Sardine, quando alle otto di sera sale sul palco di fronte alle migliaia di persone che hanno raggiunto il comune emiliano. A poche centinaia di metri di distanza, Matteo Salvini non è riuscito a radunare più di mille sostenitori […] L'articolo Bibbiano, la sfida delle due piazze. Santori (Sardine): “Di là marketing su caso giudiziario”. Leghisti: “Vinciamo noi, basta coi comunisti” proviene da Il Fatto Quotidiano.
Il principe Carlo nega il saluto a Mike Pence, niente stretta di mano al vicepresidente Usa
Oggi 24-01-20, 10:01

Il principe Carlo nega il saluto a Mike Pence, niente stretta di mano al vicepresidente Usa

Il principe Carlo non stringe la mano al vicepresidente americano Mike Pence al suo arrivo al Forum internazionale sull'Antisemitismo che si è tenuto …
Fortissima scossa di terremoto in Algeria: magnitudo pari a 5.0
Estero
Oggi 24-01-20, 10:00

Fortissima scossa di terremoto in Algeria: magnitudo pari a 5.0

Nella mattinata di venerdì 24 gennaio si è verificato un fortissimo terremoto nel nord dell'Algeria: la scossa aveva magnitudo pari a 5.0.
Programmi tv di stasera 24 gennaio: Il cantante mascherato su Rai Uno, Grande Fratello Vip su Canale 5
Primo Piano
Oggi 24-01-20, 10:00

Programmi tv di stasera 24 gennaio: Il cantante mascherato su Rai Uno, Grande Fratello Vip su Canale 5

Tra i programmi TV di stasera c'è "Il cantante mascherato" su Rai Uno e "Grande Fratello Vip" su Canale 5. Tra i film di stasera 24 gennaio 2020 vi segnaliamo "Benvenuto Presidente!" su Rai Tre e "Lucy" su Italia Uno. Vediamo cos'altro c'è stasera in TV sui canali Rai, Mediaset e Sky:Continua a leggere
Quel viadotto Morandi di Agrigento chiuso da 1000 lunghi giorni
Cronaca
Oggi 24-01-20, 10:00

Quel viadotto Morandi di Agrigento chiuso da 1000 lunghi giorni

Mauro Indelicato In Sicilia cè un altro viadotto Morandi costruito negli stessi anni di quello crollato a Genova, il quale risulta chiuso dal marzo 2017. Da allora, non si è proceduto né ai lavori di messa in sicurezza e né alla demolizione e adesso cè solo incuria ed erbacce Quando il 14 agosto 2018 le televisioni hanno iniziato a trasmettere le immagini del crollo del ponte Morandi di Genova, non c’è agrigentino che non abbia avvertito un sussulto od un brivido lungo la schiena. Anche qui infatti, a due passi dal centro della cittadina siciliana, esiste un viadotto Morandi. E quando è capitata la tragedia nel capoluogo ligure, l’opera era già chiusa da più di un anno: era il 16 marzo 2017 infatti, quando l’Anas ha deciso di porre le transenne ed evitare il passaggio di ogni mezzo. Formalmente questo viadotto è diviso in due tronconi, denominati “Akragas I” ed “Akragas II” e ricadenti all’interno del tracciato della Ss 115 ter. Ma per tutti gli agrigentini è sempre stato il “ponte Morandi”, proprio perché progettato dallo stesso ingegnere padre del viadotto venuto giù sul Polcevera. La storia dell’opera è molto controversa ed è strettamente connessa ad una delle stagioni più critiche del dopoguerra siciliano, quella del sacco edilizio. Un’epoca che ad Agrigento ha prodotto danni enormi, ben visibili anche dal viadotto: basta alzare di poco lo sguardo ed è possibile notare veri e propri “tolli” di cemento armato, che vanno a chiudere come in una stretta cinta il centro storico di origine medievale. Tra la fine degli anni ’50 e gli anni ’60, di palazzi del genere ne sono stati costruiti parecchi soprattutto nella zona denominata “dell’Addolorata” ed in quella di Santa Croce. Il peso di questi enormi complessi di cemento ha prodotto una frana che, il 19 luglio del 1966, ha totalmente o parzialmente danneggiato almeno un terzo dell’agglomerato urbano agrigentino. In quella tragica mattinata d’estate, non ci sono state vittime soltanto per un puro caso: un netturbino, appena giunto a lavoro, ha notato delle evidenti spaccature sull’asfalto allertando l’intero quartiere. Le persone, messe in fuga, hanno trovato la salvezza dal movimento franoso che ha inghiottito molti di quei casermoni, alcuni ancora in costruzione. Si è deciso quindi, poco dopo, di dare una nuova casa ai circa 8.000 sfollati ricavando nuove abitazioni in una zona più a valle, quella di Villaseta. Per collegare il centro con il nuovo quartiere, è stato fatto progettare da Morandi un nuovo ponte. E così, all’inizio degli anni ’70 il panorama di Agrigento ha visto la comparsa del viadotto: tante campate, una lingua d’asfalto lunga poco più di 1 km, quattro corsie e caratteristiche autostradali per collegare il centro città con la nuova zona di espansione edilizia. Negli anni, il ponte Morandi agrigentino ha fatto parlare di sé per numerose critiche relative sia allimpatto ambientale che alla sicurezza. Molti gli incidenti nel corso dei decenni, così come diversi sono stati i suicidi da parte di persone che hanno sfruttato la bassezza dei guarda rail per compiere estremi gesti. Tanto è vero che il ponte è stato ribattezzato anche come “viadotto della morte”. Negli ultimi 20 anni si è discusso parecchio circa il suo impatto estetico. questo perché alcuni suoi piloni poggiano su una vecchia necropoli di epoca greco – romana, così come la parte attualmente chiusa si nota distintamente sia dal centro storico che, in parte, anche dalla valle dei Templi. Ma il dibattito è diventato più importante quando sono iniziati ad emergere problemi alla sicurezza. All’inizio del 2017, l’associazione culturale ambientalista MareAmico Agrigento ha diffuso un video effettuato con un drone in cui è repentinamente emersa una condizione piuttosto preoccupante della struttura: “Abbiamo mostrato ai cittadini – ha dichiarato Claudio Lombardo, presidente di MareAmico – Quello che era lo stato delle cose. C’erano ferri sporgenti dai piloni, infiltrazioni d’acqua, una condizione generale non certamente ottimale”. [[gallery 1815462]] Pochi giorni dopo il traffico lungo il viadotto si è fatto sempre meno intenso: molti agrigentini hanno iniziato a preferire vie più lunghe ma ritenute più sicure per raggiungere Villaseta e Porto Empedocle. L’allarme sullo stato di salute del Morandi si è rapidamente diffuso sui social, in molti gruppi Facebook le immagini dei piloni in malora del viadotto hanno suscitato ampio clamore. Tanto che l’Anas, ad un certo punto, ha deciso di chiudere l’arteria: era il 16 marzo, da allora le transenne non sono mai più state rimosse se non nel piccolo tratto ufficialmente chiamato “Akragas II”. Il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, ha sollecitato un intervento mentre la procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, ha deciso di aprire un’inchiesta. Ma il silenzio è inesorabilmente calato sull’infrastruttura, con i cittadini oramai rassegnati, come spesso accade da queste parti, a tempi lunghi per il ripristino della normalità. Un silenzio molto lungo, squarciato il 14 agosto 2018 dal boato procurato dal crollo del viadotto Morandi di Genova. L’eco di quel disastro, è arrivato in quella terribile vigilia di ferragosto anche all’ombra della valle dei Templi. Da allora, il dibattito su cosa fare del ponte agrigentino si è riaperto ed ha visto l’opinione pubblica dividersi. C’è chi vorrebbe sbarazzarsi una volta e per tutte di quella che, non a torto, viene considerata una bruttura di cemento armato. Ma c’è anche chi vorrebbe spingere affinché possano partire quanto prima i lavori di messa in sicurezza. “Inizialmente – ha proseguito ancora Claudio Lombardo – Con l’associazione eravamo criticati perché abbiamo diffuso allarme e ci ritenevano responsabili dei disagi dovuti alla chiusura. Poi, dopo il crollo di Genova, siamo stati ringraziati. Da lì in poi, si è capito che sulla sicurezza non si può scherzare”. Con la sua associazione, Lombardo si è spesso schierato a favore della demolizione e della costruzione di arterie alternative. Una posizione in cui si è trovato in compagnia di alcuni storici dell’arte, tra cui Vittorio Sgarbi ed il compianto assessore Sebastiano Tusa. [[video 1816166]] L’Anas ha assicurato negli ultimi mesi che il ponte è possibile metterlo in sicurezza, ma servirebbero almeno 30 milioni di Euro. Ci sarebbe un progetto già in fase operativa, tuttavia l’unica traccia di cantiere è possibile trovarla in un’impalcatura fissata su un pilone della parte aperta del viadotto. Il tratto chiuso non solo è rimasto tale, ma appare oggi in un vero e proprio stato di abbandono. Il 5 gennaio scorso, sono scattati i 1.000 giorni dallo sbarramento operato con transenne e dissuasori. Mille lunghi giorni in cui non si è fatto nulla, in cui soprattutto non si è deciso nulla: non si sa se l’opera debba essere o meno rifatta, se debba essere o meno demolita oppure se il progetto dell’Anas può essere mandato in cantiere in tempi brevi. Mentre a Genova è già avviato il cantiere per il Morandi crollato nell’agosto 2018, qui erba alta ed asfalto divelto stanno segnando il tempo dell’incuria e delle mancate decisioni. Ed Agrigento è costretta ancora a convivere con un fantasma di cemento armato di cui non si sa cosa fare. Tag:  viadotto Ponte Morandi viabilità infrastrure Luoghi:  Agrigento
Bene Milano con lo spread stabile nell'ultima seduta prima del voto in Emilia
Oggi 24-01-20, 10:00

Bene Milano con lo spread stabile nell'ultima seduta prima del voto in Emilia

Borse europee in rialzo in avvio di seduta grazie al timido rimbalzo delle borse asiatiche, mentre sono salite ad almeno 25 le vittime del …
B&b Napoli, la speculazione è servita: i numeri e gli effetti dei turisti in città
Oggi 24-01-20, 10:00

B&b Napoli, la speculazione è servita: i numeri e gli effetti dei turisti in città

L'inchiesta di Fanpage.it sulla turistificazione a Napoli, la giungla senza regole e senza controlli di bed and breakfast case vacanze e fittacamere, tra evasione fiscale, illegalità e agevolazioni. Il business illegale dei bassi, gli affittacamere che si mascherano da B&B per non pagare le tasse e i grandi padroni di casa della città che fanno i veri profitti. Oltre 7.400 appartamenti sottratti al mercato delle locazioni per i napoletani e affittati ai turisti, prezzi alle stelle nel centro storico, Fino a 1.100 euro per una casa di 60 metri quadri. Un viaggio nella bolla speculativa che sta modificando il volto della città.Continua a leggere
Calendario Serie A, le partite e gli orari della 21^ giornata
Oggi 24-01-20, 10:00

Calendario Serie A, le partite e gli orari della 21^ giornata

Si parte venerdì 24 gennaio con Brescia-Milan e si conclude domenica 26 con il derby tra Roma e Lazio alle 18 e con la sfida tra Napoli e Juventus alle 20.45: il programma completo della 21^ giornata di Serie A con orari e canali tv
Cancro al cervello, una proteina legata all’Alzheimer può bloccare i gliomi
Salute
Oggi 24-01-20, 09:59

Cancro al cervello, una proteina legata all’Alzheimer può bloccare i gliomi

Un team di ricerca internazionale guidato da scienziati spagnoli ha scoperto che una proteina associata alla neurodegenerazione del morbo di Alzheimer, la proteina tau, è in grado di contrastare l'aggressività di gliomi, tra i più letali tumori cerebrali. La proteina agisce ostacolando la formazione di nuovi vasi sanguigni per la massa tumorale. La scoperta apre le porte allo sviluppo di nuovi farmaci in grado di replicare l'azione della proteina, permettendo così di combattere il cancro.Continua a leggere
Frasi su Salvini, Linus bacchetta Fabio Volo: "Non era autorizzato, mi scuso" - TGCOM
Oggi 24-01-20, 09:58

Frasi su Salvini, Linus bacchetta Fabio Volo: "Non era autorizzato, mi scuso" - TGCOM

★ Frasi su Salvini, Linus bacchetta Fabio Volo: "Non era autorizzato, mi scuso"  TGCOM
Napoli, la città abbuffata di turisti, cerca l’oro nei Bed and breakfast senza regole
napoli
Oggi 24-01-20, 09:58

Napoli, la città abbuffata di turisti, cerca l’oro nei Bed and breakfast senza regole

Napoli rischia di perdere se stessa. La richiesta di posti letto per i turisti e il dilagare di piattaforme come airBnb ha profondamente trasformato il capoluogo campano, soprattutto il suo centro storico. I bed and breakfast e i fittacamere hanno alterato il mercato degli immobili ed espulso molti napoletani dalla zona antica. Motivo? È più conveniente ospitare i turisti e garantirsi guadagni rilevanti. In molti casi senza pagare le tasse, confidando sugli scarsi controlli. Chissà se uno dei progetti del nuovo sindaco di Napoli nel 2021 non sarà proprio quello di porre il tema di questo Nuovo Oro di Napoli.Continua a leggere
Investì un giovane in Gb, gli Usa negano l'estradizione
Cronaca
Oggi 24-01-20, 09:58

Investì un giovane in Gb, gli Usa negano l'estradizione

La moglie di un diplomatico americano era sulla corsia sbagliata
Manifestazione a Baghdad dei seguaci di Moqtada al-Sadr: "Via le truppe americane dall'Iraq"
Primo Piano
Oggi 24-01-20, 09:58

Manifestazione a Baghdad dei seguaci di Moqtada al-Sadr: "Via le truppe americane dall'Iraq"

Da metà mattina, nel giorno dedicato alla preghiera dai musulmani, dagli altoparlanti si sono levate frasi come "No, no America!". Strade e ponti che conducono alla Zona Verde, sede del governo iracheno e di numerose ambasciate straniere, tra cui quella degli Stati Uniti, sono stati bloccati da barriere di cemento
Contro il coronavirus la Cina si affida a Zhong, il virologo «eroe» che disse la verità sulla Sars
Estero
Oggi 24-01-20, 09:57

Contro il coronavirus la Cina si affida a Zhong, il virologo «eroe» che disse la verità sulla Sars

«Un combattente coraggioso», lo definiscono i media locali. A 84 anni si è recato sul campo dell’epidemia a Wuhan: è stato il primo specialista a dichiarare che il nuovo virus «salta da persona a persona»
Giulia e Nicola, gli sposi ricevono 9mila euro in contanti per le nozze e non li versano il giorno dopo: multati per evasione
Attualità
Oggi 24-01-20, 09:57

Giulia e Nicola, gli sposi ricevono 9mila euro in contanti per le nozze e non li versano il giorno dopo: multati per evasione

I due sposi hanno versato troppo tardi i contanti, destando i sospetti dell’Agenzia delle Entrare, che in assenza di prove ha condannato per evasione la coppia e ad una multa di 4mila euro L'articolo Giulia e Nicola, gli sposi ricevono 9mila euro in contanti per le nozze e non li versano il giorno dopo: multati per evasione proviene da Il Fatto Quotidiano.
Ruba sui treni Frecciarossa, arrestato a Napoli
Oggi 24-01-20, 09:57

Ruba sui treni Frecciarossa, arrestato a Napoli

La Sala Operativa è intervenuta dopo aver ricevuto la segnalazione da parte del personale di protezione aziendale di R.F.I., che aveva notato una …
F1, come sarà la nuova Mercedes W11: il nuovo motore «GJ» e le soluzioni  ispirate alla Ferrari del 2017. Debutta il 14 febbraio
Sport
Oggi 24-01-20, 09:56

F1, come sarà la nuova Mercedes W11: il nuovo motore «GJ» e le soluzioni ispirate alla Ferrari del 2017. Debutta il 14 febbraio

La squadra campione del mondo punta a chiudere imbattuta l’attuale ciclo di regole. Vicino il rinnovo di Lewis Hamilton
Coronavirus in Cina, da Wuhan a Pechino: la quarantena si estende
Estero
Oggi 24-01-20, 09:56

Coronavirus in Cina, da Wuhan a Pechino: la quarantena si estende

«Ai confini della realtà, sembra la fine del mondo» si legge sui social network cinesi. La lista di località coinvolte dai blocchi ai trasporti si allunga. Annullati i festeggiamenti per il Capodanno