Quotidiani nazionali

Cori razzisti dei tifosi della Roma a Viera
Sport
Oggi 20-10-19, 16:29

Cori razzisti dei tifosi della Roma a Viera

Episodi di razzismo al Ferraris in occasione della gara tra Sampdoria e Roma. Durante il primo tempo dal settore ospiti occupato da circa 2000 tifosi giallorossi si sono uditi «buu»...
Giulia De Lellis osa. E il topless è servito
Cultura e Spettacolo
Oggi 20-10-19, 16:25

Giulia De Lellis osa. E il topless è servito

Francesca Galici Giulia De Lellis ha stupito tutti condividendo uno scatto audace e sensuale che la ritrae in topless. Un nudo artistico non volgare che esalta la bellezza dellinfluencer e compagna di Andrea Iannone Giulia De Lellis ha deciso di mostrarsi sui social come non aveva mai fatto e ha condiviso una foto in topless, con solo la bleratura necessaria a evitare la censura da parte del social network. La storia damore con Andrea Iannone procede a gonfie vele per linfluencer, che in queste settimane è volata in oriente con il suo amato perseguirlo sulle piste ma anche per staccare dalla quotidianità. Lo aveva comunicato ai suoi milioni di seguaci, giustificando il motivo con la necessità di prendersi un periodo off. Una parentesi sabbatica per Giulia De Lellis, che infatti sta condividendo quasi esclusivamente immagini di splendide escursioni o di panorami mozzafiato che quellangolo di pianeta regala. Tutto è poi visto con gli occhi dellamore per linfluencer, quindi ancora più magico ed esclusivo. Lo scatto condiviso poco fa dalla ragazza è stato realizzato da un noto fotografo di moda che ha scelto Giulia De Lellis come musa per fotografie artistiche audaci ma non volgari. La ragazza è completamente nuda nellimmagine e i capelli bagnati scivolano sul suo corpo mentre un braccio cela un seno. Laltro è completamente libero ed evidente, lievemente censurato per evitare penalizzazioni da parte di Instagram, che ha una politica piuttosto restrittiva per quanto riguarda i nudi. Sono ovviamente moltissimi i like che sono arrivati in pochi minuti e tanti sono anche i commenti. I follower di Giulia De Lellis si sono spaccati su questo scatto tra chi ha apprezzato il coraggio e larte e chi, invece, non ha gradito la vena esibizionista nel mostrare un topless esplicito. “Giulia sei matta?”, le scrive una sua fan, che in una discussione con altro follower ammette di esserci rimasta male per “la foto un po spinta.” Ovviamente la maggior parte dei commenti sono positivi ma è interessante notare come ci siano fan, soprattutto di sesso femminile, che si scandalizzano davanti alla foto di un seno nudo, per altro censurato. Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da Giulia (@giuliadelellis103) in data: 20 Ott 2019 alle ore 6:19 PDT Tag:  Instagram Persone:  Giulia De Lellis
Paura in volo per William e Kate: ​laereo finisce in una tempesta di fulmini
Cultura e Spettacolo
Oggi 20-10-19, 16:20

Paura in volo per William e Kate: ​laereo finisce in una tempesta di fulmini

Novella Toloni Attimi di terrore per i duchi di Cambridge sul volo Lahore - Islamabad. Laereo è finito al centro di una tempesta di fulmini, innescando il panico a bordo. A raccontare laccaduto è stata Kate Middleton nellintervista rilasciata alla corrispondente reale Paura e spavento per i duchi di Cambridge e quaranta membri dello staff reale durante il volo di trasferimento da Lahore a Islamabad. Il Principe William e Kate Middleton stavano raggiungendo la città pakistana per lultimo giorno di visite ufficiali prima del rientro in Gran Bretagna. Durante il volo, però, qualcosa è andato storto. A causa di una violenta perturbazione, il volo sul quale si trovavano William e Kate, oltre allo staff reale e alcuni giornalisti accreditati, ha avuto qualche problema dopo essere finito in mezzo a una spaventosa tempesta di fulmini. "Penso che sia stata davvero unavventura, è stata piuttosto sconnessa lassù. Ma siamo stati seguiti così meravigliosamente dalla RAF che ha fatto un ottimo lavoro di collegamento con tutti e ci ha riportato a casa sani e salvi, quindi siamo estremamente grati a loro", ha dichiarato Kate Middleton a Rebecca English, la corrispondende reale per il Daily Mail. Laereo della Royal Air Force britannica, che trasportava il duca e la duchessa di Cambridge, è stato costretto a rimandare per ben due volte latterraggio a Islamabad a causa del maltempo. Il viaggio, che sarebbe dovuto durare appena 26 minuti, dopo un iniziale momento di calma ha cominciato ad avere i primi problemi per colpa del violento temporale. Secondo quanto riportato dai corripondenti della CNN, presenti a bordo insieme ad altri giornalisti, il capitano ha annunciato che laereo avrebbe fatto alcuni giri ulteriori in attesa di un miglioramento metereologico. Nei due tentativi di atterraggio le turbolenze sarebbero state così violente da scuotere paurosamente velivolo e persone a bordo. Alla fine, dopo due ore di rinvii, lAirbus A330 della Royal Air Force britannica è dovuto rientrare a Lahore per limpossibilità di atterrare. Un cambio di programma inatteso che ha costretto la security pakistana a rivedere lintero programma dellultimo giorno di tour, ma che alla fine si è concluso nel migliore dei modi. ‘I think it was quite an adventure really, it was pretty bumpy up there. But we were looked after so wonderfully by the RAF who did a great job liaising with everyone and got us home safely, so we are hugely grateful to them." #RoyalVisitPakistan — Rebecca English (@RE_DailyMail) October 18, 2019 Persone:  Principe William Kate Middleton
Giordana Angi, dopo Amici Celebrities il colpo di scena: "Perché ho deciso di sparire"
Cultura e Spettacolo
Oggi 20-10-19, 16:19

Giordana Angi, dopo Amici Celebrities il colpo di scena: "Perché ho deciso di sparire"

Giordana, dì la verità, parlare con i giornalisti ti annoia molto. «Ma no, al limite mi sembra sempre che non stiate parlando con me. Penso "ma perché mi fate tutte queste domande?". Ho la percezione di vivere in una bolla. Mi abituerò...». Ora io ti chiederò «temi di perdere il tuo successo?» e tu
Maddalena Corvaglia: “Se non fai lo scontrino vai in carcere. Se arrivi clandestinamente in Italia per spacciare in albergo!”
Attualità
Oggi 20-10-19, 16:18

Maddalena Corvaglia: “Se non fai lo scontrino vai in carcere. Se arrivi clandestinamente in Italia per spacciare in albergo!”

La legge di Bilancio fa discutere un po' tutti. Anche le soubrette L'articolo Maddalena Corvaglia: “Se non fai lo scontrino vai in carcere. Se arrivi clandestinamente in Italia per spacciare in albergo!” proviene da Il Fatto Quotidiano.
Bari, Emiliano sale sul palco e presenta la candidatura alle Regionali
Oggi 20-10-19, 16:17

Bari, Emiliano sale sul palco e presenta la candidatura alle Regionali

Musica ad alto volume, la strada in pietra viva appena lavata, il bucato appena steso, il sugo in pentola. Tutto pronto a largo Albicocca, in pieno centro storico a Bari, per accogliere il governatore della Puglia Michele Emiliano. Questa mattina il presidente della Regione ha presentato, su un palco allestito per l'occasione, la sua candidatura per il centrosinistra alle prossime regionali (si terranno nella primavera 2020, ndr). Titolo dell'appuntamento domenicale "Con Emiliano per la Puglia". All'incontro il presidente non è arrivato puntuale, si è fatto attendere oltre un'ora. Intorno a lui i sindaci pugliesi del centrosinistra. Presenti, infatti, il primo cittadino di Bari, Antonio Decaro, di Taranto, Rinaldo Melucci, di Lecce, Carlo Salvemini, di Brindisi, Riccardo Rossi e di Margherita di Savoia, Bernando Lodisposto, in qualità di presidente della provincia Bat (Barletta-Andria-Trani). Al completo anche la giunta regionale e presenti anche i sindaci di altri Comuni pugliesi."Ho bisogno di voi. Voglio solo dirvi grazie di essere qui, sono molto emozionato. Per noi le piazze sono importanti e da qui è iniziata la rivoluzione della Puglia" ha esordito il governatore sul palco alla piazza gremita di gente (circa un migliaio di persone) al termine di una settimana dura che lo ha visto coinvolto in una nuova bufera giudiziaria, la terza inchiesta in sette mesi, con l'accusa di corruzione da parte della procura della Repubblica di Foggia.[[gallery 1772180]]"Una domenica in famiglia" l'ha definita il sindaco di Bari, Antonio Decaro da sempre vicino a Emiliano. Il suo intervento sul palco è sembrato quasi una dichiarazione d'amore in quella che è chiamata anche "la piazza degli innamorati". "Ricordo ancora la prima volta che ho incontrato Emiliano, ero al rione Madonnella a Bari" ricorda Decaro che ha continuato "Oggi la Puglia è la capitale europea del turismo e lo dobbiamo anche al lavoro che ha iniziato Emiliano quindici anni fa".Sul palco, come detto, anche i sindaci di Taranto e di Brindisi a parlare di ambiente per il più grande stabilimento siderurgico d'Europa il primo e per la centrale termoelettrica a carbone di Cerano il secondo. "Dobbiamo essere (il centrosinistra, ndr) come la ginestra di Leopardi" ha chiosato il sindaco Melucci, facendo riferimento alla forza del fiore resistente alla furia distruttrice della natura."Quello che accomuna me ed Emiliano è un alfabeto politico" ha precisato, invece, il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini che ha sottolineato come per lui sia importante, all'interno del partito, "sentirsi parte di una squadra" che ha ancora voglia di andare avanti.Intanto la data delle elezioni regionali 2020 non è ancora nota. Sono le singole Regioni a scegliere con un decreto la data delle urne. In Puglia il periodo prescelto va dall'ultima settimana di aprile alla prima di giugno. Intanto oggi è iniziata ufficialmente la campagna elettorale.
Cristiano Ronaldo re di Instagram: "Nel 2018 ha guadagnato oltre 40 milioni di euro"
Cultura e Spettacolo
Oggi 20-10-19, 16:14

Cristiano Ronaldo re di Instagram: "Nel 2018 ha guadagnato oltre 40 milioni di euro"

Francesca Galici Sarebbero cifre da capogiro quelle guadagnate da Cristiano Ronaldo tramite Instagram stando a quanto emerge da uno studio effettuato da un sito inglese, che avrebbe stimato in circa 43 milioni gli introiti derivanti dai social per CR7 Cristiano Ronaldo è un campione sul rettangolo di gioco ma anche di incassi e i numeri diffusi sui suoi presunti guadagni social sembrano confermarlo. È stato il portale britannico Buzz Bingo a fare i conti in tasca al più grande giocatore portoghese di tutti i tempi, che pare abbia guadagnato circa 43 milioni di euro solo con i suoi post. Se i numeri diffusi in questi giorni fossero confermati, Cristiano Ronaldo sarebbe lo sportivo che guadagna di più sui social network e cifre alla mano si potrebbe affermare che per lui il calcio è diventato quasi un hobby (esagerando), ben remunerato, ma niente di più. Sì, perché pare che il guadagno di Cristiano Ronaldo derivante dai social, soprattutto da Instagram, sia addirittura superiore a quello che il calciatore percepirebbe dalla Juventus. I conti, anche se sommari, in questo caso sono presto fatti. Lingaggio dichiarato con la Juventus ammonta a circa 31 milioni di euro netti allanno, circa 52,2 milioni di euro lordi. La compagine bianconera è impegnata nel campionato italiano e nelle competizioni internazionali, quindi si stima che con la Vecchia Signora il campione giochi almeno 46 gare. Ciò significa che il suo guadagno, considerando il solo stipendio della Juventus, è di circa 670 mila euro per ogni volta che entra nel rettangolo di gioco. Questo fa di Cristiano Ronaldo il giocatore con il guadagno da club più elevato di tutta la massima serie. Inoltre, a essere ottimisti per il cammino della Juventus nelle competizioni nelle quali è impegnata, il guadagno per singola prestazione scenderebbe a circa 540 mila euro a gara se giocasse il numero massimo di partite previste, ossia 57. Secondo il sito britannico, ammonterebbero a circa 43 milioni di euro i ricavi del campione derivanti dai post sponsorizzati di Instagram. I dati sono relativi al 2018 e, scorrendo il suo profilo, gli analisti hanno contato appena 49 post sponsorizzati nellarco di 12 mesi solari. Questo significherebbe che per ogni post che ha pubblicato come sponsorizzato, Cristiano Ronaldo avrebbe guadagnato una cifra che si aggira sui 875 mila euro. Fantascienza per i comuni mortali. Tag:  guadagni Persone:  Cristiano Ronaldo
Meloni: «Conte-Renzi-Di Maio? Governo di personalismi e ?galli?»
Politica
Oggi 20-10-19, 16:13

Meloni: «Conte-Renzi-Di Maio? Governo di personalismi e ?galli?»

Giorgia Meloni parla in tv. «Oggi Salvini è, senza timore di smentita, il leader del partito che all'interno della coalizione, prende più voti. Noi del centrodestra...
Il Bisconte manettaro
Politica
Oggi 20-10-19, 16:12

Il Bisconte manettaro

Luigi Bisignani Url redirect: https://www.nicolaporro.it/il-bisoconte-manettaro/Il Bisconte manettaro
Firenze, muore a 19 anni  in una discoteca a Vinci. Si sospetta mix  di alcol e droga
Cronaca
Oggi 20-10-19, 16:11

Firenze, muore a 19 anni  in una discoteca a Vinci. Si sospetta mix di alcol e droga

Una ragazza dopo un malore è deceduta nella notte in un locale notturno di Sovigliana, presso Vinci, che è stato posto sotto sequestro dai carabinieri
Il 15 ottobre c’è stata la Giornata del lavarsi le mani. Ma la rivoluzione ‘igienica’ deve essere un’altra
Oggi 20-10-19, 16:10

Il 15 ottobre c’è stata la Giornata del lavarsi le mani. Ma la rivoluzione ‘igienica’ deve essere un’altra

“Mani pulite per tutti”. Questo il tema per la Giornata mondiale del lavarsi le mani col sapone. Nulla da eccepire quando si sa che lavarsi le mani col sapone, prima di mettersi a tavola, è una misura igienica primordiale. Il nuovo ministro dell’Acqua e dell’Igiene, già responsabile della difesa del Niger, lo ha ricordato durante […] L'articolo Il 15 ottobre c’è stata la Giornata del lavarsi le mani. Ma la rivoluzione ‘igienica’ deve essere un’altra proviene da Il Fatto Quotidiano.
Lele Mora: "Io mussoliniano, ma Renzi è un amico"
Politica
Oggi 20-10-19, 16:10

Lele Mora: "Io mussoliniano, ma Renzi è un amico"

Gianni Carotenuto Intercettato dai giornalisti fuori dalla Leopolda, Lele Mora ha raccontato di essere andato a "trovare un amico. Renzi mi ha invitato e sono venuto". Ma lufficio stampa del leader di Italia Viva lo scarica: "Nessuno lo ha invitato" "Matteo Renzi è un amico, lo conosco da tanti anni. Se mi piace il suo progetto? Vediamo che farà. Io sono mussoliniano, ma la simpatia di un amico non ha bandiera". Domenica mattina, fuori dallex stazione ferroviaria della Leopolda, è comparso un po a sorpresa Lele Mora. Lex agente dei vip, intercettato dai cronisti, ha svelato la sua amicizia di lunga data con il fondatore e leader di Italia Viva. "Sono venuto a salutare Matteo. Speriamo che faccia delle cose belle, visto che il governo che cè adesso non è un granché", il commento caustico di Mora, a cui un giornalista ha fatto notare che è stato proprio lui a volerlo. "Lui è un ragazzo intelligente", la risposta di Mora. "Per me riesce a fare delle cose. Se è meglio del governo che cera prima? Alla fine tutti i governi sono uguali: ognuno pensa a se stesso", lamara conclusione dellex agente dei vip, a cui qualcuno rinfaccia una certa simpatia per il fascismo. "Io ero, sono stato e sempre sarò mussoliniano", precisa. Un seguace di Mussolini tra i sostenitori di Renzi? "La simpatia di un amico non ha bandiera", replica. [[video 1772109]] "Fa un po di colore". "Nero", ironizza qualcuno dei presenti facendo riferimento al colore della camicia di Mora. "La camicia nera va sempre bene, snellisce". Poi ribadisce: "Renzi mi ha invitato, sarà contento di vedermi. Se cè un tratto in comune tra lui e Silvio Berlusconi? Direi di sì, è lerede di Berlusconi", sottolinea prima di entrare nellhangar che ha ospitato la decima edizione della kermesse renziana. Insomma, Lele Mora sarebbe un grande amico dellex segretario del Pd. Il condizionale è dobbligo. Perché subito dopo la diffusione dellintervista, lufficio stampa di Renzi puntualizza: "Come già ribadito stamani, nessuno ha invitato lex agente Lele Mora alla Leopolda". Insomma, uno tra Renzi e Mora ha detto una frottola. Chi è il bugiardo? Intanto, tra gli altri vip accorsi alla Leopolda si è intravisto anche Leopoldo Mastelloni, noto attore di cinema e teatro. Chissà se è stato invitato... Tag:  Leopolda 2019 Persone:  Lele Mora Matteo Renzi
Domenica In, Carlo Conti si commuove ricordando sua mamma: “Mi ha insegnato il rispetto degli altri e l’onestà”
Oggi 20-10-19, 16:10

Domenica In, Carlo Conti si commuove ricordando sua mamma: “Mi ha insegnato il rispetto degli altri e l’onestà”

Grande commozione per Carlo Conti, ospite di Mara Venier a Domenica In, su Rai1, quando la conduttrice gli ha mostrato una foto della mamma, scomparsa nel 2002. “Mi ha insegnato il rispetto degli altri e l’onestà” ha ricordato Conti. “Mio padre morì quando avevo 18 mesi. Lei ha ricoperto entrambi i ruoli, per questo era […] L'articolo Domenica In, Carlo Conti si commuove ricordando sua mamma: “Mi ha insegnato il rispetto degli altri e l’onestà” proviene da Il Fatto Quotidiano.
Parma-Genoa: dalle 18 La Diretta  Rossoblù in cerca di punti salvezza
Sport
Oggi 20-10-19, 16:08

Parma-Genoa: dalle 18 La Diretta Rossoblù in cerca di punti salvezza

Parma e Genoa si affrontano al Tardini nel match domenicale delle ore 18; è una partita fondamentale per entrambe le compagini che, seppur con sfumature differenti, non vivono certo un...
Domenica in, Mara Venier provoca Carlo Conti: "Ti ho visto in mutande in camerino e direi che..."
Cultura e Spettacolo
Oggi 20-10-19, 16:07

Domenica in, Mara Venier provoca Carlo Conti: "Ti ho visto in mutande in camerino e direi che..."

Mara Venier scherza molto con il collega (e amico) Carlo Conti, suo ospite a Domenica In, su Rai uno. "Io ti ho visto in mutande e non sei niente male", lo provoca la conduttrice. "In costume magari", risponde lui in imbarazzo. E Mara rincara: "No no, in camerino", dice tra le risate del pubblico e
Ma non sono estremisti, è il sistema
Politica
Oggi 20-10-19, 16:06

Ma non sono estremisti, è il sistema

Gian Micalessin Caro Fausto, non essere smemorato, accomodante e ingenuo. Quelli che a Trento non thanno fatto parlare non sono ragazzotti prigionieri del passato, ma le truppe di sfondamento di quel «pensiero unico» di sinistra che da mezzo secolo ammorba la nostra democrazia. Lo conosciamo dagli anni 70. Per questo, allora, scegliemmo quella militanza a destra che ancora segna come stigma indelebile le nostre carriere. Ricordo il mio stupore di 14enne avulso da ogni ideologia quando, nel 1974, assistevo al rito con cui nelle assemblee gli studenti «democratici» del liceo Petrarca di Trieste espellevano a calci i soli tre «fascisti» della scuola. Anche per quello mavvicinai a quel Fronte della Gioventù dove conobbi te e quellAlmerigo Grilz con cui nel 1983, archiviata la politica, iniziammo lavventura di giornalisti. Unavventura quasi clandestina perché le nostre «colpe» giovanili cimpedivano laccesso ai media nazionali. Così fondammo unagenzia e dallAfghanistan in poi raccontammo le «guerre dimenticate», vendendo alle tv americane storie ricche di morti e tragedie. Ma in Italia restavamo dei paria. Quando con Almerigo vendemmo a Panorama un reportage sui Khmer rossi qualcuno ci denunciò come «fascisti». E come fascista e mercenario al soldo del Sudafrica fu liquidato da LUnità Almerigo quando il 19 maggio 1987 fu ucciso filmando uno scontro tra ribelli e governativi nel Mozambico dilaniato dalla guerra civile. Il tutto nellindifferenza assordante dei nostri media. Come «fascista» liquidarono pure te, mesi dopo, quando dopo un reportage con Massoud finisti nelle prigioni del regime filosovietico di Kabul. In quei mesi disperati in cui nessuno ti garantiva solidarietà, lunico a rispondere fu Il Giornale di Indro Montanelli. Oggi poco è cambiato. Sulla lapide allentrata dellOrdine dei Giornalisti di Trieste che ricorda cinque colleghi triestini caduti sui campi di battaglia non cè ancora posto per Almerigo. Sia io, sia te, nonostante i 36 anni da inviati, siamo banditi da quel premio Lucchetta che a Trieste celebra il giornalismo di guerra. Daria Bignardi, che prima di diventare famosa frequentava la nostra agenzia a Milano, non si è vergognata in unintervista tv di rinfacciare a Monica Maggioni desser stata mia fidanzata menzionandomi come «quel fascistone». Nel 2013, mentre da Maalula raccontavo la storia dei cristiani assediati da Al Qaida per Rai News 24, un comitato di redazione orgogliosamente anti-fascista chiese la fine delle mie collaborazioni. Insomma, caro Fausto, non stupirti. Son passati 31 anni da quando i colleghi titolavano sul «fascista» catturato in Afghanistan, ma allindomani di Trento nessun giornalone ti ha dedicato una riga di solidarietà. Ancora oggi lunico a darti retta è Il Giornale. Insomma, fattene una ragione, non sono gli «estremisti». È il sistema.
William e Kate fanno il pieno di coccole con i cani anti-mine dellArmy Center pakistano
Cultura e Spettacolo
Oggi 20-10-19, 16:06

William e Kate fanno il pieno di coccole con i cani anti-mine dellArmy Center pakistano

Novella Toloni I duchi di Cambridge hanno visitato il centro di addestramento dei cani dellesercito pakistano. Tra giochi e coccole hanno valutato i progessi di un progetto finanziato dal Regno Unito sui cani anti-mine Il royal tour in Pakistan è giunto al termine. Dopo cinque intensi giorni di visite e impegni istituzionali in Medio Oriente, il Principe William e Kate Middleton hanno fatto rientro in patria. Non senza, però, aver visitato lArmy Canine Centre di Islamabad, il centro di addestramento dei cani dellesercito pakistano. Una tappa finale piena di coccole e tenerezza per riprendersi anche dallo spaventoso volo da Lahore a Islamabad (laereo è finito al centro di una tempesta di fulmini). William e Kate hanno visitato il Centro Canino di Islamabad accarezzando e giocando con decine di cuccioli. Loccasione giusta per approfondire un progetto a loro molto caro: laddestramento dei cani a rilevare dispositivi esplosivi. Il progetto è, infatti, supportato dal Regno Unito e la visita a Islamadad ha consentito ai duchi di Cambridge di valutare i progressi dellattività finanziata dalla Regina. William e Kate hanno parlato a lungo con i militari che si occupano delladdestramento e poi hanno giocato con i cuccioli. Mentre il Principe William si divertiva a ricevere "baci" da un meticcio, la sua consorte, Kate Middleton, ha giocato amabilmente con alcuni esemplari, lanciando loro palline colorate. Cè stato anche il tempo per una breve passeggiata di coppia con al guinzaglio due cuccioli di Labrador. Un fatto che non avrà certo "turbato" il royal dog di William e Kate, il cocker spaniel di colore nero Lupo. Il progetto dellArmy Canine Centre, che vede collaborare a distanza la famiglia reale e lesercito del Pakistan, prevede laddestramento dei cani mirato a individuare esplosivi. Un supporto tecnico al comparto militare di fondamentale importanza, soprattutto per la sicurezza della popolazione locale. [[gallery 1772120]] Persone:  Principe William Kate Middleton
Renzi ai delusi di Forza Italia: «Venite a darci una mano. Salvini Don Abbondio» Di Maio lo attacca: basta voltagabbana
Politica
Oggi 20-10-19, 16:04

Renzi ai delusi di Forza Italia: «Venite a darci una mano. Salvini Don Abbondio» Di Maio lo attacca: basta voltagabbana

Nell'ultimo giorno della kermesse che ha lanciato Italia viva rivendica la nascita del governo Conte e il diritto di critica. E apre a chi nel centrodestra non si riconosce nel sovranismo
Il derby d’Italia al femminile è della Juve, Inter ko in casa 3-0 - La Stampa
Oggi 20-10-19, 16:03

Il derby d’Italia al femminile è della Juve, Inter ko in casa 3-0 - La Stampa

Nel posticipo di lusso della quarta giornata di Serie A, la Juventus di Rita Guarino si impone 3-0 in trasferta sulle nerazzurre di Attilio Sorbi e …
Calcio in tv: domenica di partite su Sky, Dazn, Eleven Sports e Sportitalia - La Stampa
Oggi 20-10-19, 16:03

Calcio in tv: domenica di partite su Sky, Dazn, Eleven Sports e Sportitalia - La Stampa

Apre l'inter e chiude il Milan nella domenica calcistica televisiva.Raidue. Comincia sempre più tardi “La Domenica Sportiva”: stasera alle …
Diverticoli, piccole «sacche» nella parete intestinale: cosa succede se si infiammano
Salute
Oggi 20-10-19, 16:03

Diverticoli, piccole «sacche» nella parete intestinale: cosa succede se si infiammano

La loro presenza, chiamata diverticolosi, no comporta disturbi. Se però si infiammano si parla di diverticolite che può richiedere anche un intervento chirurgico urgente
Lode ai capperi, antibatterici e antinfiammatori
Salute
Oggi 20-10-19, 16:02

Lode ai capperi, antibatterici e antinfiammatori

L’ingrediente aromatico era già lodato dai medici greci, da Discoride e Galeno. E oggi gli scienziati tornano a indagare sulle sue proprietà
Università, la mappa dellodio Così soffoca il pensiero libero
Politica
Oggi 20-10-19, 16:01

Università, la mappa dellodio Così soffoca il pensiero libero

Fausto Biloslavo Da Trento a Bologna, da Padova a Roma. Le voci di docenti e studenti: "Noi vittime dei collettivi di sinistra" Lenclave dei nipotini di Curcio alla facoltà di Sociologia di Trento sono la punta più eclatante di un iceberg. Dopo il 15 ottobre quando i violenti di estrema sinistra mi hanno negato il diritto alla parola sono arrivate diverse segnalazioni di situazioni estreme anche in altre facoltà a Padova, Ferrara e Roma. E sono famosi gli episodi di intolleranza a Bologna nei confronti di Angelo Panebianco, che insegna allateneo, per i suoi articoli sul Corriere della sera. Oscar Giannino fu accolto con uova e pomodori alla Statale di Milano. Lo scorso anno a Padova non è stato possibile presentare un fumetto sulle foibe, presso una sede universitaria, per le violente proteste degli antagonisti. E lo stesso Benedetto XVI venne costretto a rinunciare allinaugurazione dellanno accademico alla Sapienza di Roma. Luca Erbifori, oggi consigliere comunale a Bardolino, in provincia di Verona, è stato rappresentante degli studenti al dipartimento di Sociologia a Trento per una lista di centro destra dal 2014 al 2016. «Mi hanno minacciato di morte e venivo scortato allingresso della facoltà dalla polizia, che mi consigliava di non andare al bagno da solo o di portarmi dietro lo spray al peperoncino» spiega lex studente al Giornale. Fra le tante minacce la scritta «Erbifori con una chiave inglese tra i capelli come Ramelli», lo studente di destra ammazzato a sprangate a Milano negli anni settanta. A Sociologia gli estremisti del Cur, il Collettivo Universitario Refresh che non mi hanno fatto parlare, continuano ad agire da padroni soprattutto in una specie di aula autogestita. «Laula occupata è una stanza situata al piano interrato del Dipartimento, che vede al proprio interno fornelli, divani dove si riuniscono studenti e non studenti per organizzare atti criminali che poi mettono in pratica dentro e fuori lUniversità» è la pesante denuncia di Erbifori. I nipotini di Curcio hanno fatto togliere il Tricolore e lo scorso anno si sono distinti contro ladunata degli alpini a Trento. Secondo Erbifori «i bagni erano spesso luogo di spaccio da parte di non studenti». Non è chiaro se la situazione sia ancora a questi livelli, ma i violenti e facinorosi imperversano, con il tacito avallo dellUniversità, che fa ben poco per sradicare il bubbone. Gli stessi studenti dellUdu, gruppo di centro sinistra, che mi aveva invitato a parlare della Libia, sono finiti nel mirino degli estremisti. «Salutiamo infine chi negli scorsi giorni è arrivato persino a minacciare personalmente alcuni dei nostri ragazzi a Sociologia - spiegano gli studenti in un comunicato - Non abbiamo paura di voi». Un docente universitario con 36 anni di carriera alle spalle spiega al Giornale «che ci sono tanti dipartimenti, e non solo Sociologia di Trento, dove chi non sposa ideologie comuniste è emarginato e vessato». Nella capitale, alla Sapienza, esiste un enclave di estremisti di sinistra simile a quella trentina. «I collettivi minacciano fisicamente i ragazzi di destra che vogliono presentare le liste alle elezioni universitarie - scrive un testimone - Tollerati dai vertici dellUniversità e dalle altre istituzioni. Lì, come a Trento, il tempo si è fermato agli anni di piombo». A Ferrara un capo dipartimento esponeva dietro la segreteria la mitica foto di Che Guevara. E diceva senza peli sulla lingua: «Non ho mai perso le vecchie abitudini: Che e pugno chiuso». Un rettore del Sud ammette che «qualche collega tollera sacche di intolleranti e violenti fuori dal tempo per quieto vivere, comprese occupazioni delle aule». Padova è unaltra enclave dove i centri sociali ed i collettivi universitari hanno mano libera. Lo scorso anno una sede dellateneo si piegò ai violenti che negarono la presentazione di Foiba rossa, il fumetto dedicato alla martire istriana Norma Cossetto, che aveva studiato alluniversità di Padova.
Palermo, auto contro albero: morti due giovani di 16 e 17 anni. Altri 3 amici sono gravissimi. Arrestato il conducente dopo l’alcol test
Cronaca
Oggi 20-10-19, 15:48

Palermo, auto contro albero: morti due giovani di 16 e 17 anni. Altri 3 amici sono gravissimi. Arrestato il conducente dopo l’alcol test

La vettura, una Bmw 2000, è finita contro un ulivo e nell'impatto lo ha sradicato proseguendo la corsa contro altri alberi e prendendo fuoco. Gli abitanti in zona sono intervenuti per estrarre i ragazzi dall'abitacolo. Quello alla guida, 20 anni, è risultato positivo ad alcol e cannabis. E' anche neo patentato e non avrebbe potuto guidare un’auto di quella cilindrata L'articolo Palermo, auto contro albero: morti due giovani di 16 e 17 anni. Altri 3 amici sono gravissimi. Arrestato il conducente dopo l’alcol test proviene da Il Fatto Quotidiano.