Libero è un quotidiano italiano fondato nel 2000 da Vittorio Feltri, e da lui nuovamente diretto dal 18 maggio 2016. A giugno 2016 contava una tiratura di quasi 95.000 copie con una diffusione cartacea di circa 40.000.
SEGUI
"Una casta piena di fannulloni che rifiuta di vivere in un Paese normale": Alessandro Sallusti durissimo contro la magistratura
Oggi 30-07-21, 16:00

"Una casta piena di fannulloni che rifiuta di vivere in un Paese normale": Alessandro Sallusti durissimo contro la magistratura

"In queste ore sentite dire dai Cinque Stelle e dalla maggior parte dei magistrati che la riforma Cartabia approvata dal governo è u...
"Un parto difficile, poi quei malesseri...". Belen Rodriguez, il dramma svelato: cosa le è accaduto in clinica a Padova
Oggi 30-07-21, 16:00

"Un parto difficile, poi quei malesseri...". Belen Rodriguez, il dramma svelato: cosa le è accaduto in clinica a Padova

Belen Rodriguez ha partorito proprio nel giorno in cui la Nazionale di calcio italiana allenata da Roberto Mancini si è laureata campione d'Europa, battendo l'Inghilterra ai rigori nella loro casa di Wembley. Stando alle ultime indiscrezioni rilanciate dal settimanale Nuovo, quello della showgirl argentina è stato però un parto più difficile del previsto: “Il parto, avvenuto in una clinica privata di Padova, non è stato semplicissimo”.     Per questo motivo Belen avrebbe quindi trascorso diversi giorni successivi al parto in una villa sull'isoletta di Albarella, dove si sarebbe rimessa in forze. Nell'isola vicina al delta del Po, la showgirl argentina avrebbe accusato “alcuni malesseri”, come svelato sempre dal settimanale Nuovo. Nelle storie di Instagram è però apparsa sempre in buone condizioni e soprattutto felice per aver allargato la famiglia con l'arrivo di Luna Marì, concepita insieme all'attuale fidanzato Antonino Spinalbese.     Anche Alberto Dandolo sul settimanale Oggi ha dedicato alcune attenzioni alla Rodriguez, stavolta però per quanto concerne l'aspetto lavorativo. Il giornalista ha infatti rivelato che Belen non sarà presente nelle prime tre puntate di Tu si que vales perché in quei giorni è stata costretta a saltare le registrazioni a causa del parto: “Al ritorno agli studi Elios di Roma, Belen aveva avvertito anche un malore. Ora tutto è rientrato e lei è tornata regolarmente in studio”.    
"Dolori improvvisi e insopportabili". Orietta Berti, il dramma: come la ha ridotta il Covid (a distanza di mesi dalla guarigione)
Oggi 30-07-21, 15:18

"Dolori improvvisi e insopportabili". Orietta Berti, il dramma: come la ha ridotta il Covid (a distanza di mesi dalla guarigione)

Orietta Berti scende in campo e chiede a tutti di vaccinarsi. Lei, che ha avuto questo maledetto Covid, vuole convincere i fan sull'importanza del vaccino. Unica via d'uscita dalla Pandemia. E in un'intervista tuona: “Cari amici, posso darvi un consiglio? Vaccinatevi, perché con il vaccino staremo tutti più sicuri e potremo andare... a mille”. Lo dice in modo diretto, senza giri di parole. La Berti è per l'ennesima volta sulla cresta dell'onda della popolarità grazie all'ultima hit con Fedez e Achille Lauro.     Il suo appello è rivolto a tutti, grandi e piccoli. Ma soprattutto ai giovani. “Quello che hanno iniziato a seguirmi dopo Sanremo e il successo di Mille, sono tantissimi. Sui social mi mandano video in cui cantano la canzone o improvvisano bizzarri balletti”, dice la Berti che si vaccinerà il 3 agosto con una sola dose (avendo ancora gli anticorpi). “Io il Covid l'ho avuto già a dicembre. Si contagiò anche mio marito Osvaldo: stette malissimo”, racconta. La Berti sottolinea anche gli strascichi di questa malattia. “Dolori fortissimi alla schiena: 'Che succede?', pensai dopo le prime fitte. Ho fatto tac e risonanze magnetiche: alla fine i medici mi hanno spiegato che sono le conseguenze del Covid. Col tempo questi dolori dovrebbero andar via. Me lo auguro. Perché le fitte arrivano all'improvviso e mi costringono a sedermi e ad aspettare che passino. I giovani devono capire che vaccinandosi proteggono anche le persone della mia età, più vulnerabili di fronte ad un virus come questo”, conclude.     Per lei com Fedez e Achille Lauro arriva un'altra giovinezza. “Ci siamo conosciuti a Sanremo: Orietta, ho una canzone estiva perfetta per te'. Quando mi ha detto che ci sarebbe stato anche Achille Lauro ho esultato: Bene, abbiamo fatto un terno al lotto'. Fedez mi ha mostrato anche la copertina del singolo: Ma che l'hai fatta a fare? Il 45 giri mica esce...', gli ho risposto”, parola di Orietta.     
"È un terrorista, ritirategli la medaglia". Tokyo 2020, i terribili sospetti sull'iraniano (e quel vergognoso gesto sul podio)
Oggi 30-07-21, 15:07

"È un terrorista, ritirategli la medaglia". Tokyo 2020, i terribili sospetti sull'iraniano (e quel vergognoso gesto sul podio)

 Il cecchino d'oro di Tokyo 2020 fa l'infermiere, ha salvato un sacco di gente dal Covid, ma c'è chi dice che ne abbia ammazzate altrettante con la sua arma. Javad Foroughi è iraniano, ha 41 anni, e da 10 metri con l'aria compressa ha vinto l'oro olimpico. Ma l'ex campione olimpico sud coreano, Jin Jong-oh si è rivolto al Cio: "Come si può premiare un terrorista? È assurdo, ridicolo...". Javad ha risposto di essere stato un soldato delle Forze Quds in Siria: "Fa parte della storia del mio Paese".  Lo definiscono "terrorista" e lui sul podio fa il saluto militare. Viene attaccato dai rappresentanti delle associazioni che lottano al fianco di chi si ribella al regime islamico: le forze Quds sono i pasdaran e i pasdaran sono considerati ufficialmente criminali dagli Usa. Il capo Hossein Salami lo ha festeggiato come "un esuberante guardia della rivoluzione islamica, un difensore della salute e del tempio".       Il Cio ha risposto che "indagherà". A Tokyo, per esempio, l'America ha portato 19 militari, in diverse discipline. Ma uno studio afferma che nessun militare specialista del tiro di precisione potrebbe competere con i cecchini olimpici: "È come far volare un aquila con le ali legate. Non c'è uno scopo vero. Non vincerebbe mai", si legge.       Javad conferma: i pistoleri sono altri, lui la rivoluzione la fa nelle corsie del Baqiyatallah Hospital di Teheran. "Averlo celebrato è una catastrofe per lo sport e per il mondo", ribattono invece quelli di United per Navid. Che poi era Afkari, il "lottatore che nel 2018 fu arrestato, torturato e giustiziato per aver protestato contro il governo. Anche allora Javad sparava. Chissà dove", conclude il Giornale.      
Università eCampus-Andel, nasce il Master per “Disability Job Supporter”
Oggi 30-07-21, 15:06

Università eCampus-Andel, nasce il Master per “Disability Job Supporter”

ROMA (ITALPRESS) – L'Università degli Studi eCampus e ANDEL – Agenzia Nazionale Disabilità e Lavoro hanno firmato un Protocollo d'Intesa per promuovere una cooperazione sul piano culturale, scientifico e didattico in materia di disabilità e lavoro.L'accordo prevede l'attivazione di un Master di I Livello – che si caratterizza per la sua unicità nel panorama dell'offerta formativa nazionale e per l'ampio ventaglio di sbocchi professionali – per “Disability Job Supporter” (DJS), figura esperta nell'accompagnare la persona dalla scuola al mondo del lavoro e supportare l'azienda sia nell'assolvimento degli obblighi previsti dalla L.68/99 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili” che nella gestione della disabilità all'interno della stessa, ai fini di creare un rapporto ottimale fra la disabilità, il lavoro e i servizi dedicati; la realizzazione di una docenza sui temi della disabilità/lavoro e la partecipazione ad attività di ricerca. Previsto lo svolgimento di un convegno nella sede romana di eCampus nella primavera del 2022; la divulgazione delle iniziative comuni sui rispettivi siti web; la messa a disposizione dell'Agenzia, presso le sedi dell'Università eCampus di Roma e Milano, di spazi per lo svolgimento delle attività istituzionali di ANDEL, oltre ad una unità lavorativa con funzioni di segreteria presso la sede eCampus di Milano. “L'accordo firmato oggi da ANDEL con uno dei principali e più qualificati atenei online d'Italia – dichiara il Presidente di ANDEL, Enrico Seta – è importante non solo per ANDEL, ma soprattutto per il futuro dell'inclusione lavorativa delle persone con disabilità, che soffrono oggi in Italia le conseguenze della mancanza di figure professionali in grado di aiutarle nel loro percorso verso il mercato del lavoro. Gli atenei hanno un ruolo importante nella formazione di questi professionisti della ‘mediazione della disabilità-lavorò. ANDEL ed eCampus si mettono oggi insieme per realizzare un ambizioso progetto formativo e culturale”.“La collaborazione fra eCampus e ANDEL è fondata su un terreno comune di valori e di finalità – sottolinea il Direttore generale di eCampus, Alfonso Lovito – che ci consente di operare con un approccio innovativo, prima di tutto culturale, rispetto al tema del lavoro e della disabilità. L'educazione a distanza e l'e-learning, propri del nostro Ateneo, agevoleranno ancor di più una formazione finalizzata all'inclusione effettiva della persona, a sua volta strettamente legata alle reali esigenze del mercato del lavoro”.(ITALPRESS).
"Ecco cos'è il vaccino". La follia dell'ex grillino Davide Barillari: in riunione, punta una pistola contro se stesso, video-choc
Oggi 30-07-21, 14:39

"Ecco cos'è il vaccino". La follia dell'ex grillino Davide Barillari: in riunione, punta una pistola contro se stesso, video-choc

Minuti di follia quelli nei quali il consigliere regionale del Lazio ed ex M5s, Davide Barillari, si è puntato una pistola al braccio. Ripren...
Confapi, Casasco confermato presidente
Oggi 30-07-21, 14:36

Confapi, Casasco confermato presidente

ROMA (ITALPRESS) – Maurizio Casasco è stato confermato all'unanimità presidente di Confapi, la Confederazione italiana delle piccole e medie industrie private. Casasco, 66 anni, bresciano, è alla guida di Confapi dal 2012 e, dallo scorso marzo, è anche presidente di Cea-Pme, la Confederazione delle Pmi europee. “La piccola e media industria privata rappresentata da Confapi – ha detto nel corso dell'assemblea – è da sempre in Italia un punto di riferimento industriale ed economico, ma anche culturale e sociale. Il nostro obiettivo è di diventare nel prossimo futuro ancor più centrali nelle sfide che saremo chiamati ad affrontare come Paese. Mi riferisco in particolare alla rivoluzione tecnologica del lavoro, con la sinergia tra industria e ricerca, ma soprattutto alla valorizzazione del capitale umano nonchè alle sfide per la transizione ecologica e digitale, allo sviluppo dei rapporti internazionali, in particolare con il continente africano nell'Alleanza Euro-Africana delle Pmi”. Casasco al termine del suo intervento programmatico ha lanciato alla platea imprenditori una nuova sfida. “Stiamo vivendo tutti – ha sottolineato – un momento certamente difficile, ma al contempo anche ricco di opportunità per la nostra Confederazione. I risultati fin qui raggiunti, le battaglie vinte, la credibilità guadagnata in questi anni ci permetteranno di evidenziare la vera forza economica e produttiva del Paese rappresentata dalle nostre imprenditrici e dai nostri imprenditori. Dobbiamo continuare a rappresentare coloro che vogliono fuggire dai vecchi schemi e che vogliono costruire e scommettere in proprio sul domani, che vivono con responsabilità i loro territori, che lavorano ogni giorno per creare lavoro e benessere, che investono sul futuro di giovani donne e uomini”.(ITALPRESS).
"Quando vi intubo godo". Covid, orrore in ospedale: il raptus dell'infermiere, finisce malissimo
Oggi 30-07-21, 14:34

"Quando vi intubo godo". Covid, orrore in ospedale: il raptus dell'infermiere, finisce malissimo

"Disagiati No-vax, quando vi metterò le sonde necessarie lo farò con più piacere". Insomma, quando vi dovrò intubare sarà un bel momento. Queste le terrificanti parole (per quanto comprensibili) riversate sui social da un infermiere bolognese, che sul web si è scagliato con queste parole contro una donna contraria al vaccino al coronavirus. Parole che hanno fatto scattare un procedimento disciplinare nei suoi confronti.   Uno sfogo, quello dell'uomo, sul proprio account Facebook indirizzato ai più recalcitranti su vaccini e green pass. Una frustrazione che emerge in modo dirompente tra le righe dell'invettiva dopo un anno di lavoro a ritmi frenetici e convulsi ma che, come detto in premessa, non giustifica le parole dure utilizzate sul social network.   "Lei non si preoccupi – ha scritto l'operatore sanitario rispondendo a una donna – che quando apriremo di nuovo la terapia intensiva Covid con i tutti i disagiati 'No vax' (e purtroppo qualche persona innocente che per seri motivi non poteva vaccinarsi), io sarò lì a mettervi le sonde necessarie alla vostra sopravvivenza. Lo farò in modo professionale come sempre, ma forse con un pizzico di sottile piacere in più. Questo perché so che è comunque stata una vostra scelta libera e consapevole. Questo allevierà il mio carico emotivo... e saremo tutti più felici”. Parole, comunque, inaccettabili.  
Arrivano i primi 25 mld dall'Ue, bisogna spenderli bene
Oggi 30-07-21, 14:33

Arrivano i primi 25 mld dall'Ue, bisogna spenderli bene

Arrivano i primi 25 mld dall'Ue, bisogna spenderli bene
Spesa in Borsa, segui la diretta su LiberoTv: bolla a Wall Street per fare un favore a Biden
Oggi 30-07-21, 14:30

Spesa in Borsa, segui la diretta su LiberoTv: bolla a Wall Street per fare un favore a Biden

Jerome Powell , numero uno della Federal Reserve , ha fatto sapere che per ora continuerà a comprare titoli per 120 miliardi al mese e non ha ...
Volano stracci nel ciclismo, Cassani torna subito a casa: "Stasera spiego tutto". Rissa tra azzurri?
Oggi 30-07-21, 14:25

Volano stracci nel ciclismo, Cassani torna subito a casa: "Stasera spiego tutto". Rissa tra azzurri?

C'è grande attesa per capire che ne sarà di Davide Cassani. Il commissario tecnico del ciclismo azzurro è già tornato in Italia e non assisterà alle prove su pista che si svolgeranno alle Olimpiadi di Tokyo 2020. “Sto prendendo ora l'aereo. Il motivo per il quale lascio Tokyo in anticipo? Preferisco parlarne stasera quando torno”, sono state le parole di Cassani all'Ansa prima di prendere il volo di ritorno per l'Italia.     Ufficialmente il suo viaggio anticipato è motivato con la mancanza di pass disponibili, che però appare una ragione piuttosto debole: la sua posizione di commissario tecnico è in discussione da tempo. Nelle prove olimpiche su strada è arrivato il bronzo di Elisa Longo Borghini, ma c'è stata grande delusione per le prestazioni degli uomini sia nella gara in linea che nella crono (anche se in quest'ultima Pietro Ganna ha fatto una buona prova, sfiorando l'argento).     In attesa di ascoltare cosa avrà da dire Cassani, è ormai certa la sua sostituzione: il nome che circola nell'ambiente è quello di Gianni Bugno, descritto come un fedelissimo di Cordiano Dagnoni, presidente della Federciclismo. “Il lavoro che Cassani sa fare bene - ha dichiarato il numero uno del ciclismo italiano - è quello di coinvolgere nuovi ciclisti ed entusiasmarli”, per questo potrebbe concedergli un ruolo di ambasciatore (a patto che lui lo voglia).    
Tokyo 2020, il disastro di mamma Rai: a viale Mazzini ci vedono doppio, un calvario in diretta
Oggi 30-07-21, 14:21

Tokyo 2020, il disastro di mamma Rai: a viale Mazzini ci vedono doppio, un calvario in diretta

Non che Discovery stia facendo meglio, con quello streaming caotico, dove scorri i canali all'infinito, e quando finalmente trovi quello dedicato agli «sport di combattimento», lo apri e ti becchi la ginnastica artistica. Ma anche Mamma Rai si è adeguata al disservizio. Peccato perché in virtù dell'inadeguatezza altrui, avrebbe potuto riabilitarsi agli occhi del pubblico, dopo gli scivoloni all'Europeo di calcio. Bastava organizzarsi un minimo, visto che sono state acquisite solo 200 ore di diritti televisivi di Tokyo 2020, non migliaia. E bastava essere flessibili in caso di finali, ma non troppo come accade su Rai 2, canale dei Giochi, dove va in onda il caos.    Mai una gara per intero, interruzioni che nemmeno sulle tv locali per «dare la linea al telegiornale olimpico», che va bene ogni tanto, ma mica ogni due ore, e soprattutto non alle 13, clou per molti azzurri: che senso ha raccontare una medaglia quando puoi mostrarla? Ci sarebbe Rai News per i tg: snobbata. Che confusione, sarà perché non dormiamo? Complice il fuso orario è quasi tutto di notte, allora la Rai sta colmando il vuoto pomeridiano con gli studi: tanti, troppi. Poi i problemi tecnici, i soliti, per lo più la mattina quando la palpebra in regia evidentemente cala. Ieri andava in onda il doppio di tennis Croazia -Usa mentre il telecronista raccontava il singolare Djokovic-Nishikori.    Così per una decina di minuti: in regia erano tutti in pausa? Fino a pochi giorni fa nemmeno compariva la scritta "diretta". Non sapevi se quello che stavi vedendo era già successo. A gran voce un paese reclama Italia -Giappone di pallavolo: non c'è. Pensi: useranno Rai Sport. Niente. Agisci: Rai Play, saranno lì. Macché: banner che ricorda «la tv di Stato non ha acquisito i diritti per lo streaming», quella è roba di Discovery, che non è poi tanto meglio. Alé.
Quelle (pesantissime) parole contro gli omosessuali di Francesco Oppini: rottura totale con Tommaso Zorzi, ora si capisce tutto
Oggi 30-07-21, 14:21

Quelle (pesantissime) parole contro gli omosessuali di Francesco Oppini: rottura totale con Tommaso Zorzi, ora si capisce tutto

Nell'amicizia tra Francesco Oppini e Tommaso Zorzi qualcosa si è rotto. Ma mentre fino a qualche giorno fa si trattava solo di voci, adesso invece un messaggio del figlio di Alba Parietti sembrerebbe togliere ogni dubbio. Di recente, inoltre, l'influencer milanese ha pure deciso di non seguire più il suo ex amico sui social. Adesso l'opinionista sportivo interviene per fare chiarezza. A quanto pare, il motivo del loro allontanamento è dovuto  ad alcuni tweet indelicati verso i gay fatti da Francesco diversi anni fa.       "Trovo surreale decontestualizzare e far risultare attuali delle frasi che, per quanto infelici, sono state scritte più di 8 anni fa e tra l'altro in un contesto goliardico. Nel frattempo sia il nostro linguaggio che la società in cui viviamo si sono evolute e queste parole, che ripeto essere sbagliate, non fanno più parte del nostro gergo", ha scritto Oppini su Instagram. Poi se l'è presa con chi è andato a ripescare quelle frasi: "Suggerisco a chi si è dedicato a questa ricerca certosina, con il solo scopo di ferirmi e di ledere la mia immagine, di andare a ripescare anche post più recenti ( vedi ultimi 5 anni) nei quali prendo apertamente posizione in favore della comunità LGBTQ+".       Sulla vicenda è intervenuta anche la mamma di Oppini, che sempre sui social si è lasciata andare a uno sfogo: "Un'amicizia che è potuta terminare non è mai stata sincera. Se hai voluto bene a qualcuno, non userai mai le sue confidenze , le sue cadute , le sue debolezze per fargli male e soprattutto per amore verso te stesso non lo permetterai agli altri".      
"La pandemia ha reso le città più tristi": che scoperta, Dario Franceschini...
Oggi 30-07-21, 14:18

"La pandemia ha reso le città più tristi": che scoperta, Dario Franceschini...

"La pandemia ha reso più evidente quanto sia necessario che i Paesi lavorino insieme. La pandemia ci ha fatto capire che la cultura sia la...
La foto proibita di Maria Elena Boschi scatena Andrea Scanzi: proprio lì sotto... che imbarazzo | Guarda
Oggi 30-07-21, 14:06

La foto proibita di Maria Elena Boschi scatena Andrea Scanzi: proprio lì sotto... che imbarazzo | Guarda

No, Andrea Scanzi non ha mai nascosto una delle sue strambe passioni: quella per i piedi femminili. Già, è un feticista. Ce ne sono milioni, lui è uno di loro. E ora, ecco spuntare una foto che scatena il vice-Travaglio, la vice-firma del Fatto Quotidiano.   Si tratta, per la precisione, di una foto che ritrae sedute fianco a fianco Maria Elena Boschi e Teresa Bellanova. Uno scatto commentato con cura da Scanzi, il quale ovviamente si è concentrato sui piedi. E la stroncatura dell'estremità della Boschi è nettissima: il piede più brutto della politica. "Sono piedi cicciuti che ‘spanciano', sono grassottelli e in più lei ha una caviglia bruttina", commenta tranchant Scanzi. E non è difficile immaginare come dietro alla bocciatura ci siano anche delle ragioni politiche.   Nessun commento, al contrario, sui piedi della Bellanova. Da par suo, e da buon feticista, Andrea Scanzi ci tiene a far sapere quali, a suo insindacabile giudizio, siano i piedi più belli della politica italiana: "Sono quelli della deputata di Forza Italia, Gabriella Giammanco. E' molto bella e affascinante. Basta vedere dal collo del piede se una donna ha dei piedi belli o no", conclude Scanzi.  
Una banda criminale e un ispettore alla ricerca disperata della felicità
Oggi 30-07-21, 14:00

Una banda criminale e un ispettore alla ricerca disperata della felicità

Un libro in due minuti di Lucia Esposito gioca in casa con il libro “ Confini ” ( Morellini editore ) scritto dal collega di Libero...
Bollino rosso per 8 città, meglio non uscire di casa. Meteo, weekend infernale: temperature con pochi precedenti
Oggi 30-07-21, 13:56

Bollino rosso per 8 città, meglio non uscire di casa. Meteo, weekend infernale: temperature con pochi precedenti

Sarà un weekend all'insegna del gran caldo in molte città italiane: sono 6 quelle contrassegnate per oggi venerdì 30 luglio dal bollino rosso secondo il bollettino del ministero della Salute. Anche domani avranno il bollino rosso città come Campobasso, Frosinone, Palermo, Perugia, Pescara e  Trieste, mentre saliranno a 8 per domenica 1 agosto, con Bari e Catania.   Sono invece 7 le città con bollino arancione per le giornate di oggi e sabato: Bari, Bologna, Catania, Firenze, Rieti, Roma e Viterbo. A queste si aggiungerà Ancona nella giornata di domenica.  Il bollino arancione indica il livello 2 di allerta, ovvero temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione, in particolare nei sottogruppi di popolazione suscettibili. Il bollino rosso indica invece il livello 3 dell'ondata di calore: condizioni ad elevato rischio che persistono per 3 o più giorni consecutivi. Le ondate di calore, spiega il ministero, si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione. Queste condizioni climatiche possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione. Infatti l'alta pressione dominerà incontrastata sulla maggior parte del Sud, soprattutto nel fine settimana. Specialmente in Sicilia la colonnina di mercurio salirà oltre i 40 gradi, con picchi di 44, 45°C nelle zone interne. Valori comunque rilevanti ma più contenuti anche sulle Regioni centrali come Toscana, Umbria e Lazio che arriveranno fino ai 36 gradi. A Nord il caldo si concentrerà tra oggi e domani. In Emilia i termometri potranno arrivare fino a 38°C.
"Mi rifiuto di pensare che quella sia la Lega". Luca Zaia, una clamorosa bordata contro Claudio Borghi: in piazza...
Oggi 30-07-21, 13:52

"Mi rifiuto di pensare che quella sia la Lega". Luca Zaia, una clamorosa bordata contro Claudio Borghi: in piazza...

Mercoledì 28 luglio in piazza a Roma per manifestare contro il green pass c'erano anche due volti noti della Lega, Claudio Borghi e Armando Siri. La loro presenza ha creato più di un malumore all'interno del partito di Matteo Salvini. Malumore palesato da Luca Zaia in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, seppur senza affondare il colpo in maniera pesante.     Le parole del governatore del Veneto sono però state chiarissime e sono arrivate a chi di dovere: “La Lega è sempre stata un partito di composizione sociale e culturale variegata, ci sta che qualcuno non la pensi come te. Detto questo, non mi risulta che il partito abbia deciso di rinnegare l'attività dei propri amministratori, presidenti e sindaci. Un discorso è discutere legittimamente sull'obbligatorietà, come fa il segretario Salvini. Altra cosa è farsi portatori di una linea in cui io assolutamente non mi identifico. E mi rifiuto di pensare che sia quella del partito”.   Secondo Zaia si è venuto a creare un clima in cui è sempre più difficile compiere il proprio ruolo istituzionale: “Siamo passati da una sanità pubblica che faceva le profilassi a scuola a un punto in cui è difficile fare un tampone perché veniamo accusati di infilare microchip nel naso dei bambini. Fare quello che abbiamo il dovere di fare sta diventando un problema”.    
"Shining", 40 anni dopo resta uno dei migliori horror di tutti i tempi
Oggi 30-07-21, 13:48

"Shining", 40 anni dopo resta uno dei migliori horror di tutti i tempi

SHINING Iris ore 21. Con Jack Nicholson, Shelley Duvall, Scatman Crothers. Regia di Stanley Kubrick. Produzione USA  1980. Durata: 2 ore e 26 minuti LA TRAMA Uno scrittore, in cerca di concentrazione  per il suo nuovo libro accetta l'incarico di custode durante la stagione invernale di un albergo sulle montagne. Altro che concentrazione. L'albergo è stato decenni prima il teatro di una tragedia  e lo scrittore a poco a poco è preso da fantasmi del passato. Diventa un  invasato e cerca di uccidere il figlioletto. Che per fortuna ha lo shining un potere di preveggenza  che gli permette di combattere la follia paterna. PERCHÈ VEDERLO Perché a 40 anni di distanza rimane uno dei più begli horror di tutti i tempi. Stanley Kubrick  aveva veramente il potere di trasformare in oro qualsiasi cosa toccava. Qui riesce a trarre effetti inquietantissimi da un romanzo non tra i migliori di Stephen King. La prova che era un re Mida la diede il mediocre remake voluto da  King non contento (ma che imbecille) del lavoro di Kubrick.
Msc, nasce la West Sicily Gate: ecco quali terminal crocieristici gestirà
Oggi 30-07-21, 13:46

Msc, nasce la West Sicily Gate: ecco quali terminal crocieristici gestirà

“La nascita della nuova società, la West Sicily Gate - ha spiegato Monti – è il coronamento di un grande lavoro svolto dalla nostra Authority con fatica, dedizione, tenacia e passione. E' come se oggi prendesse il via un nuovo corso, un atteso new deal.  Accogliere a Palermo le grandi navi di ultima generazione in un porto riqualificato e dragato, quindi con fondali adeguati, e dotato di strutture ricettive appropriate alle nostre ambizioni, era impensabile fino a qualche anno fa: è davvero difficile, guardando finalmente le opere realizzate, immaginare com'erano i nostri porti solo tre anni fa. Per tempi di realizzazione e risultati siamo di fronte a un miracolo all'italiana che nasce dal sud e si propone ai mercati internazionali come un progetto vincente. La bontà dell'operazione è dimostrata dalle cifre: nonostante il Covid, dal primo gennaio 2022, avremo numeri in crescita: ben 176 saranno gli attracchi previsti di Costa e Msc su un totale di 226 toccate, comprensive anche delle altre compagnie che finalmente si riaffacceranno nel Mediterraneo. L'obiettivo è quello di triplicare nei prossimi anni il numero dei crocieristi rispetto al 2018, anno in cui abbiamo sfiorato le 600 mila unità, facendo dei nostri scali un mix di modernità nell'erogazione dei servizi ed eccellenza nell'ambito dell'accoglienza. E lavorando affinché la West Sicily Gate possa realizzare gli ambiziosi progetti che si è prefissata e che riguardano non solo l'incremento dei passeggeri ma anche l'impegno perché i nostri porti diventino degli home port, creando quell'ulteriore indotto costituito da passeggeri che raggiungono la città in aereo e che qui trascorrono qualche giorno prima di imbarcarsi per l'inizio della crociera”. Pierfrancesco Vago, Executive Chairman MSC Cruises, ha dichiarato: “La Sicilia e i suoi porti rappresentano un hub turistico-crocieristico di primaria importanza e in forte crescita a livello Mediterraneo. Per questo siamo particolarmente lieti di partecipare ad un'iniziativa altamente strategica come questa, che doterà la città di Palermo di un terminal crociere ristrutturato, innovativo e funzionale, grazie al significativo intervento operato dall'Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale, guidata dal Presidente Monti, che desidero ringraziare sentitamente. Il nuovo terminal favorirà un ulteriore incremento del numero di turisti che giungono nel capoluogo siciliano, città nella quale il Gruppo MSC opera ormai da oltre 20 anni, anche nel settore del cargo e dei traghetti, e rappresenta il primo player nel settore dello shipping. Grazie a questa nuova iniziativa, Palermo e gli scali ad essa collegati come Trapani e Porto Empedocle, sono destinati a diventare uno degli hub principali di MSC in Mediterraneo, anche in vista delle nuove navi del segmento crociere di lusso – con il brand Explora Journeys, creato per la nuova e più esigente generazione di viaggiatori di lusso – la cui prima unità prenderà servizio nel 2023. L'anno prossimo prevediamo di toccare Palermo con le nostre navi più moderne e avanzate dal punto di vista tecnologico e ambientale, in linea con il nostro impegno a favore dell'ambiente e delle comunità portuali e costiere visitate da nostri ospiti”. “Nonostante le crociere siano state uno dei settori maggiormente colpiti dall'emergenza Covid – ha commentato Maltese - le compagnie hanno confermato come strategico l'investimento sul sistema portuale della Sicilia occidentale. E' un investimento che si colloca in un quadro più ampio di ripresa del turismo, che dovrà essere trainante per la crescita del PIL nazionale. Per quanto riguarda Costa, nel 2022 abbiamo già in programma a Palermo circa 90 scali, con le navi più innovative della nostra flotta. Faremo del nostro meglio per supportare la nuova società West Sicily Gate, con l'obiettivo di farla diventare la porta di accesso alla Sicilia per il settore crociere”.