Il Giornale (dalla fondazione sino al 1983 il Giornale nuovo) è un quotidiano nazionale italiano fondato a Milano nel 1974 da Indro Montanelli, il quale lo diresse ininterrottamente fino al 1994. Dal 1979 è proprietà della famiglia Berlusconi (dal 1992, di Paolo Berlusconi). È il decimo quotidiano italiano per diffusione (l'ottavo escludendo i quotidiani sportivi).
SEGUI
Roma, anziano distrugge vetro del bus e picchia l’autista
ALTRO
Ieri 23-03-19, 14:35

Roma, anziano distrugge vetro del bus e picchia l’autista

Un arzillo 66enne si è scagliato su un autista Cotral nel Terminal Anagnina di Roma dopo che quest'ultimo gli aveva chiesto un titolo di viaggio valido. Non ha resistito, così il pensionato ha preso il suo bastone da passeggio e ha dato una bastonata al conducente del mezzo che stava svolgendo la sua funzione da controllore. Dopo, non contento si è scagliato contro il vetro della porta posteriore del mezzo Cotral fermo in stazione e l'ha distrutto. Un passeggero che ha tentato di calmarlo ha ricevuto un'altra bastonata. Una vera e propria furia dell'italiano che, dopo aver rotto il vetro e picchiato il passeggero è tornato a scagliarsi sul povero autista e dopo una serie di colpi lo ha costretto ad andare in ospedale con una prognosi di 30 giorni.L'aggressore voleva viaggiare gratis e pretendeva che venisse accettato il suo "status" di pensionato, quando invece la tessera di viaggio a tariffa gratuita spetta soltanto a chiunque abbia compiuto i 70 anni di età. L'uomo è stato immediatamente bloccato dagli uomini della Polizia Locale che hanno provveduto a denunciarlo per reati di violenza, minacce e resistenza a pubblico ufficiale oltre a lesioni personali e danneggiamento di mezzo pubblico e interruzione di pubblico servizio. Una lunga lista che si è andata ad aggiungere ad un'altra lista che l'anziano signore aveva già, visto che aveva a carico alcuni altri reati penali riferisce il Roma Today.
Bologna, morti due ragazzini precipitati dall'ottavo piano di un palazzo
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:53

Bologna, morti due ragazzini precipitati dall'ottavo piano di un palazzo

Sono morti precipitando dall'ottavo piano di un palazzo. È accaduto attorno alle 10 nella periferia di Bologna, in via Quirino di Marzio. Due ragazzini di 14 e 11 anni hanno perso la vita dopo essere precipitati. Sul posto sono intervenuti polizia scientifica, squadra mobile e 118, che hanno tentato invano di rianimarli. Ancora da chiarire la dinamica di quanto accaduto. I residenti sono sotto choc dopo aver visto i due corpi sull'asfalto.I due ragazzini erano in casa col padre quando è successa la tragedia. Secondo quanto riporta Repubblica, si tratterebbe di una famiglia del Kenya. Un testimone ha raccontato che "l'anno scorso il padre chiuse i due bambini in bagno, vennero la polizia e i vigili del Fuoco. Lui credo non lavori, la madre fa la parrucchiera. Se ci fosse stata lei si sarebbero salvati".
Irlanda, vescovo sgrida cattolici: "Non criticate migranti musulmani"
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:47

Irlanda, vescovo sgrida cattolici: "Non criticate migranti musulmani"

In Irlanda un vescovo cattolico ha criticato i cattolici che "allarmano" sui migranti, in particolare su quelli musulmani.Sul The Irish Catholic il vescovo di Elphin, monsignor Kevin Doran, ha ripreso quei cattolici che si identificano come "pieni di fede" ma che, secondo l'alto prelato, diffonderebbero "la paura e la sfiducia nei confronti di migranti e rifugiati, in particolare di quelli musulmani".Il vescovo Doran, riferendosi in particolare ai pregiudizi che ha riscontrato nella società irlandese, relativa alle accuse di terrorismo che vengono sollevate su alcune persone perchè musulmane, ha espresso i suoi commenti come riflessioni a seguito dell'attacco alle due moschee della Nuova Zelanda che hanno causato 50 morti.Il responsabile della diocesi di Elphin, che conta circa 80 mila battezzati ed è sede suffraganea dell'arcidiocesi di Tuam, ha detto di avere sentito "persone che si classificano in alcuni casi come cattolici tradizionali e che sembrano piene di fede ma mettono in relazione i migranti e i richiedenti asilo con il terrorismo islamico", questo perchè, secondo il prelato, "questi musulmani sono ingiustamente accusati di mettere a rischio la nostra civiltà e di rappresentano una minaccia per noi".Per il vescovo Doran "definire un'intera categoria di persone, o un'intera nazione, o un intero gruppo religioso come incline al terrorismo è da irresponsabile". Secondo il massimo rappresentante della Chiesa Cattolica ad Elphin, "i musulmani che vivono nella società irlandese, per la mia esperienza, lo fanno pacificamente e partecipano pienamente. Abbiamo un gran numero di bambini musulmani nelle nostre scuole cattoliche e contribuiscono all'etica in molti modi. Una delle cose interessanti dei musulmani è che mentre hanno una fede diversa tendono ad avere un livello di impegno per la fede a cui molti cattolici dovrebbero ispirarsi e prestare attenzione".Doran non ha negato che in alcuni Paesi del Medio Oriente sui diritti umani i musulmani hanno ancora una lunga strada da percorrere, ma ha affermato che "in Irlanda dobbiamo avere il più alto livello possibile di rispetto per i musulmani, specialmente quelli che si definiscono cristiani a favore della vita. Individui o gruppi di persone, perseguitati o presi di mira a causa delle loro convinzioni religiose, meritano il nostro sostegno e la nostra solidarietà, indipendentemente dal fatto che siano cristiani, musulmani o ebrei".Non sono mancate critiche al vescovo per queste sue affermazioni e non è la prima volta che finisce sotto i riflettori. Fino ad ora era stato criticato dai non cristiani per le sue posizioni etiche e bioetiche. Nel 2005, in qualità di membro del consiglio di amministrazione dell'Ospedale Mater, aveva ritardato l'assunzione di un nuovo farmaco sperimentale per il contrasto del cancro al polmone alle pazienti in gravidanza per evitare i rischi di perdita o di difetti fisici per i bambini.Doran nell'ottobre 2013 si era dimesso dal consiglio di amministrazione dell'Ospedale Mater dopo che il management aveva confermato che avrebbe rispettato la nuova legge chiamata eufemisticamente "Protection of Life During Pregnancy Act", che in pratica aveva aperto le prime maglie legali per permettere dei casi di aborto legale in Irlanda.In seguito al risultato del referendum del maggio scorso, che ha comportato l'abrogazione dell'8th amendment della Costituzione dell'Irlanda, aprendo ancora di più all'aborto, Doran aveva detto a quei cattolici che si erano schierati per il Sì di andarsi a confessare perche "tutti i peccati riguardano in ultima analisi le decisioni che influiscono sulla nostra relazione con Dio".Il 24 febbraio 2015, inoltre, in anticipo rispetto al referendum sul matrimonio omosessuale, Doran aveva denunciato coloro che volevano cambiare la Costituzione, in un paese sempre più aperto al rcinoscimento delle coppie gay che, "in realtà non cercano l'uguaglianza matrimoniale, ma cercano un diverso tipo di relazione che sarebbe chiamato matrimonio, una relazione che include alcuni elementi del matrimonio, come l'amore e l'impegno, ma esclude uno dei due aspetti essenziali del matrimonio, che è l'apertura della loro relazione sessuale alla procreazione. Questo è possibile solo se cambiamo il significato di matrimonio e rimuovere quell'aspetto di apertura alla procreazione".In un'intervista con NewsTalk Breakfast radio Doran aveva fatto distinzioni tra il matrimonio e le relazioni tra persone dello stesso sesso, spiegando che il primo è "naturalmente diretto verso l'educazione, la cura dei bambini" mentre non si può dire "che l'altro sia uguale" e se alcune persone omosessuali hanno figli "non sono necessariamente definibili genitori".Nell'agosto dello scorso anno il vescovo, commentando l'enciclica papale Humanae Vitae, aveva criticato le donne che usano la contraccezione, rilevando che "esiste una connessione molto diretta tra la mentalità contraccettiva e il numero sorprendentemente alto di persone che sembrano pronti a ridefinire il matrimonio come una relazione tra due persone senza distinzione di sesso".
I rapper Traffik e Gallagher arrestati per rapina
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:33

I rapper Traffik e Gallagher arrestati per rapina

Una semplice richiesta di autografo da parte di alcuni fan si è trasformata in una rapina con calci e pugni. Gli aggressori sono i noti rapper romani Traffik e Gallagher, che sono stati arrestati per rapina dai carabinieri della Stazione Roma Macao, con la collaborazione dei colleghi della Stazione di Novara. I carabinieri hanno dato esecuzione a un"ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica.Il provvedimento che riguarda i due rapper, rispettivamente di 23 e 25 anni ed entrambi con precedenti, li vede indagati e ritenuti responsabili di concorso in rapina aggravata dall"uso delle armi ai danni di quattro persone, tra le quali un minorenne.I due cantanti, noti al giovane pubblico a livello nazionale nello scenario trap e hip hop, sono ora accusati di aver aggredito tre loro fan e un passante.Il fatto è avvenuto il 23 febbraio scorso all'uscita della stazione ferroviaria di Roma Termini. I tre giovani avevano riconosciuto i noti rapper e avevano pensato di avvicinarli per chiedere un autografo. I fan si erano avvicinati con fiducia e con l'entusiasmo di poter conoscere i loro idoli. Ma la reazione dei due cantanti si è rivelata inaspettata. I rapper li avrebbero minacciati e poi aggrediti anche con un tirapugni in ferro, sottraendo loro gli smartphone.I giovani fan hanno cercato di fuggire ma sono stati rincorsi. Sembra che nel corso dell'inseguimento i due rapper si sarebbero fermati a picchiare un 50enne originario del Bangladesh. L'uomo, che stava aspettando l'autobus, è stato aggredito con calci e pugni. Anche a lui i cantanti avrebbero cercato di prendere il cellulare ma sarebbero stati fermati da alcuni passanti.Nel disperato tentativo di scappare, l'uomo è stato investito da un'auto. È stato soccorso e portato in ospedale, dove i medici gli avrebbero riscontrato la frattura di una gamba. La prognosi è di trenta giorni.I carabinieri della Stazione Roma Macao hanno ricostruito la dinamica dei fatti attraverso indagini partite immediatamente. Ricostruendo gli eventi, sono stati identificati i responsabili attraverso un riconoscimento fotografico delle vittime e del cittadino bengalese. Quest'ultimo è stato rintracciato dai militari attraverso la cartella clinica del pronto soccorso.Il cantante 25enne è stato rintracciato dai carabinieri della Compagnia Roma Centro nel quartiere Parioli all"interno di una barberia del quartiere Parioli. L'altro rapper, invece, è stato rintracciato a Novara dai Carabinieri della Stazione locale.I due rapper si trovano ora agli arresti domiciliari.
Biancalani si rivolge a istituzioni: “Siamo tantissimi, è emergenza”
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:31

Biancalani si rivolge a istituzioni: “Siamo tantissimi, è emergenza”

Don Massimo Biancalani riprende la parola dopo un lungo periodo di silenzio, e lo fa per lanciare l"allarme. A quanto pare, infatti, il centro d"accoglienza da lui gestito nella parocchia si troverebbe in una grave situazione di difficoltà.Dopo avere più volte ribadito con sicurezza e grande stoicismo che le sue convinzioni non sarebbero mai vacillate, e che il progetto sarebbe andato avanti, il parroco di Vicofaro (Pistoia), sembra avere raggiunto il limite e chiede aiuto. "La situazione nella nostra comunità è una situazione di emergenza, perché ogni giorno continuano ad arrivare ragazzi" ha infatti affermato, come riportato da "La Nazione". "Siamo ancora tantissimi, e aspettiamo un clima più favorevole da parte delle istituzioni perché finora abbiamo dovuto spendere molte energie per questo rapporto difficile con le istituzioni locali, speriamo che in futuro invece l'amministrazione possa aiutarci, questo sarebbe importante".Evidentemente neppure il sostegno e le promesse del governatore della Toscana Enrico Rossi sono servite. Biancalani si trova ora ad affrontare una situazione più grande di lui, dopo aver voluto continuare ad accogliere, aprendo anche le porte a quegli stranieri che hanno perso lo status di rifugiato dopo l"applicazione del decreto Sicurezza.
Belen dice la sua su Corona: “Non mi stupisco più perché Fabrizio è irrecuperabile ”
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:29

Belen dice la sua su Corona: “Non mi stupisco più perché Fabrizio è irrecuperabile ”

Invitata da Silvia Tofanin come ospite a "Verissimo", Belen ha chiarito molto cose della sua attuale vita, raccontando il suo rapporto con Stefano De Martino e del loro riavvicinamento. Ma ha anche aperto una pagina molto importante su Fabrizio Corona, con cui è stata insieme per moltissimi anni. È partita proprio dal caso "Isola dei Famosi" e del suo sfogo sui social contro Corona."In quel messaggio, non mi riferivo neanche a Fabrizio, ma al meccanismo del gioco, mi sono messa a piangere mentre lo guardavo. Va bene tutto, faccio parte del mondo dello spettacolo e capisco il meccanismo per catturare l"attenzione del pubblico, ma non accetto più che si giochi con la vita delle persone, soprattutto di una certa età. Ho temuto per lui. Il mio messaggio non era indirizzato a Corona, semplicemente perché ormai non mi stupisco più di quando Fabrizio fa questo tipo di cose".Le domande di Silvia, la portano anche a parlare del famoso libro di Corona "Non mi avete fatto niente" in cui Fabrizio si dichiara sempre innamorato di lei. "Sono coerente e ripeto sempre la stessa cosa - racconta Belen - voglio bene a Fabrizio, soltanto che è irrecuperabile. Mi dispiace perché penso che noi esseri dobbiamo sempre cercare la versione migliore di noi stesso. Quando smetti di farlo, inneschi un meccanismo nella tua mente che non ti fa bene e sei finito, perché non cresci".
Il gip conferma l'arresto di Sy: il senegalese del bus resta in carcere
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:27

Il gip conferma l'arresto di Sy: il senegalese del bus resta in carcere

L'arresto è stato convalidato. Ousseynou Sy, l'autista senegalese che ha dirottato e incendiato l'autobus lungo la Paullese rimarrà in carcere.Il gip di Milano Tommaso Perna, infatti, ha convalidato l'arresto. Ieri si è svolto l'interrogatorio del 47 che ora si trova rinchiuso nel carcere di San Vittore. Il Gip non sembrava aver creduto alla versione fornita da Sy, che diceva di aver compiuto il gesto perché sentiva le "voci dei bimbi morti nel Mediterraneo" che gli chiedevano di fare qualcosa di "eclatante".Per il Gip dunque esistono le esigenze cautelari viste le accuse di strage, sequestro di persona, lesioni e resistenza, aggravati dalla finalità di terrorismo. L'autista resta quindi in carcere così come chiesto dai pm Alberto Nobili e Luca Poniz, titolari delle indagini, i quali ritengono sussistere il pericolo di reiterazione del reato.Il legale di Sy intanto sembra intenzionato a chiedere la perizia psichiatrica. "È incapace di intendere e di volere", ha detto ieri l'avvocato. "Ha dato seri segni di squilibrio - ha ribadito il difensore -. Ma non ha perso alcun parente in mare. E non ha mai detto che rifarebbe cento volte ciò che ha fatto. Ha ripetuto che non era sua intenzione fare del male ai ragazzi". Ma per il giudice che lo intervistato l'indagato è apparso "più o meno tranquillo". E ancora: "Voleva che la sua azione avesse il massimo impatto internazionale. Il suo messaggio era che gli africani non devono più venire in Europa. L'elemento nuovo rispetto alle dichiarazioni delle prime ore è che oggi ha lodato il governo italiano per la politica sui migranti. Perché, dice, l'Italia è l'unico Paese dell'Unione europea che si impegna e spende denaro per salvare vite in mare".
Mestre, l'anestesista 84enne (in pensione) che continua a lavorare per passione
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:13

Mestre, l'anestesista 84enne (in pensione) che continua a lavorare per passione

Si era laureato in medicina nel 1961, con il massimo dei voti. Gianfranco Giron è un professore di Mestre, che ha compiuto 84 anni a dicembre e che nella vita ha sempre fatto il medico anestesista. E che, di fatto, non ha mai smesso la sua attività. Neanche oggi che è in pensione.La sua storia, raccontata da TgCom24, è quella di un uomo che entra in sala operatoria qualche giorno alla settimana per "tappare i buchi", anche a causa della carenza di personale. Soltanto in Veneto, infatti, mancherebbero più di 500 camici bianchi."Il padre eterno mi ha dato, fortunatamente, la salute. E io ho ancora la curiosità, il desiderio di lavorare. Questo lavoro di medico lo faccio da oltre mezzo secolo, ma lo faccio ancora con molto entusiasmo. Mi aggiorno continuamente, sono curioso e sicuro di me", spiega il professore, fondatore dell'Istituto di Rianimazione dell'Università di Padova."Non ho nessuna idea di chiudermi a leggere il giornale, prendere il caffè, fare due passi e tornare a casa", continua il professore. Che aggiunge: "Io ho ancora una curiosità e una soddisfazione nel fare il mio lavoro che non mi sento di rinunciare. Il pensionamento mi sembra non dico una morte civile, ma quasi".
Roma, immagini del Duce proiettate su Palazzo Venezia
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:11

Roma, immagini del Duce proiettate su Palazzo Venezia

Immagini del fascismo proiettate su piazza Venezia in occasione del centenario della fondazione dei Fasci di combattimento. L'iniziativa, clamorosamente messa a segno nel cuore di una Roma blindata per la visita in Italia del presidente cinese Xi Jinping, è stata messa a segno dal gruppo di estrema destra Azione Frontale, i cui militanti, a mezzanotte, arrivati con tanto di proiettore, sotto palazzo Venezia hanno iniziato a proiettare un video sul Ventennio con Benito Mussolini che si affaccia al balcone. Non un'azione isolata, visto che l'associazione ha messo a segno iniziative analoghe anche in altre città.A Padova e a Genova ad esempio sono stati affissi manifesti con la foto dell'obelisco "Dux" e la scritta "100 anni di un sogno chiamato fascismo". "I militanti di Azione Frontale Padova - si legge nella pagina Fb del movimento neofascista - celebrano la fondazione dei Fasci di Combattimento, avvenuta il 23 marzo 1919 in Piazza San Sepolcro, a Milano. Il simbolo è il Fascio Littorio. Il programma prevedeva riforme sociali ma anche la creazione della "terza via", tra una sinistra distruttiva e una destra che rifiutava ogni innovazione, con lo scopo di dare spazio ad istanze moderniste utili alla creazione dell'uomo nuovo. 'Per noi fascisti la vita è un combattimento continuo, incessante, che noi accettiamo con grande disinvoltura, con grande coraggio, con la intrepidezza necessarià".
Jasmine Carrisi si è davvero rifatta?
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:04

Jasmine Carrisi si è davvero rifatta?

Jasmine Carrisi non smette di zittire i gossip sui suoi ritocchini. Già alcuni mesi fa era stata bersagliata di domande dai follwers. Molti utenti infatti, hanno notato che la figlia di Loredana Lecciso abbia fatto ricorso alla chirurgia estetica per "sistemare" le sue labbra. Risultato? Ora sembrano identiche a quelle della madre. Molti frequentatori dei social, credono che la diciassettenne voglia seguire le orme della madre. Alcuni, non concordi, la insultano per questa scelta.Jasmine Carrisi è davvero rifatta?Jasmine Carrisi, dopo la sua apparizione televisiva a "Live-Non è la D'Urso" ha fatto impazzire i suoi followers. Molti utenti hanno visto la figlia di Loredana Lecciso, non solo cresciuta ma anche cambiata. Le conferme sui suoi "cambiamenti" sono arrivate anche a causa di una foto dove si ritrae in primo piano.I followers, hanno subito riempito la foto di like e commenti, ma anche di critiche. Qualcuno pensa, che merita della sua bellezza non sia esattamente merito di Madre Natura, ma del chirurgo estetico. A chi la pensa cosi, lei risponde utilizzando l'ironia, facendo capire che merito della belezza, è solo merito dei suoi genitori. Visualizza questo post su Instagram Che senso ha ascoltare, meglio andareUn post condiviso da Jasmine Carrisi (@jasminecarrisi) in data: Mar 21, 2019 at 9:07 PDT
Isola dei Famosi, Marco Maddaloni non abbandona per la morte della nonna
ALTRO
Ieri 23-03-19, 13:03

Isola dei Famosi, Marco Maddaloni non abbandona per la morte della nonna

Marco Maddaloni ha scelto di non abbandonare l'Isola dei Famosi nonostante il grave lutto che ha colpito la sua famiglia. La notizia della morte di sua nonna - madre di suo padre - era iniziata a circolare in Italia già giovedì e l'ipotesi più accreditata era quella di un ritiro da parte del campione.Pensare che un campione come Marco Maddaloni potesse ritirarsi da una competizione come l'Isola dei Famosi, tanto più ora che è quasi arrivato alla sua conclusione era improbabile e difficile da credere ma i nonni sono l'ancora delle famiglie. La perdita di un nonno è un vuoto incolmabile a qualsiasi età ed è per questo che, nonostante si conosca perfettamente la tempra sportiva e umana di Marco Maddaloni, in molti hanno pensato che decidesse di abbandonare l'Isola dei Famosi per un ultimo saluto.La produzione del programma ha deciso di informare tempestivamente il campione della triste notizia chiamandolo in disparte e aprendogli tutte le possibilità per un eventuale ritorno tempestivo in Italia. Nel confessionale successivo, Maddaloni ha comunicato la sua decisione di non lasciare l'Isola dei Famosi, continuando la competizione per provare ad arrivare fino alla fine: "Nel mio sangue scorre il sangue Maddaloni. So sicuramente che lei non avrebbe voluto che io mi ritirassi, mi avrebbe detto 'ma cosa fai? te ne torni a casa?'. Tornerò a casa quando avrò finito qui."Quella dei Maddaloni è una delle grandi stirpi sportive del nostro Paese, la loro è una tradizione che si tramanda di generazione in generazione e quello stesso spirito Marco l'ha interamente riversato nella sua Isola dei Famosi. Sicuramente, se dovesse arrivare al traguardo da vincitore, un pensiero andrà sicuramente alla sua nonna. Visualizza questo post su Instagram "Ho deciso di rimanere perché nel mio sangue scorre sangue Maddaloni. So sicuramente che lei non avrebbe voluto che io mi ritirassi" @maddaloni73 #IsolaUn post condiviso da L'Isola dei Famosi (@isoladeifamosi) in data: Mar 22, 2019 at 9:15 PDT
Viaggia con un orango ​drogato chiuso nella valigia
ALTRO
Ieri 23-03-19, 12:58

Viaggia con un orango ​drogato chiuso nella valigia

Aveva riposto un piccolo esemplare di orango nella valigia dopo averlo drogato. Per questo motivo Andrei Zhestkov, un turista russo di 27 anni, è stato arrestato all'aeroporto di Bali, in Indonesia, con l"accusa di traffico di specie protette e ora rischia 5 anni di prigione e una multa da 7mila dollari. All"aeroporto, il 27enne è stato fermato alla dogana per normali controlli ma, aperta la valigia, gli agenti si sono trovato davanti un esemplare maschio di due anni di orango che dormiva, probabilmente narcotizzato con le pillole contro l'allergia ritrovate vicino.Il turista si sarebbe giustificando affermando che la sua intenzione era quella di portare il primate per tenerlo con se come animale da compagnia e che lo avrebbe avuto da un amico che, in precedenza, l"aveva acquistato per 3mila dollari in un mercato a Giava.Vicino all"orango sono state trovate delle coperte e latte per neonati, oltre a due gechi e cinque lucertole.Nel mondo sono presenti solo 100mila esemplari di orango e per questo motivo è definita come specie in pericolo di estinzione dall"Unione internazionale per la conservazione della natura; proprio in Indonesia numerosi animali di questa specie vengono uccisi e catturati da bracconieri ma anche dai lavoratori che nelle foreste fanno spazio alle coltivazioni di palme da olio.
Imperia, duello per amore tra marocchino e italiano finisce a martellate sulla testa
ALTRO
Ieri 23-03-19, 12:45

Imperia, duello per amore tra marocchino e italiano finisce a martellate sulla testa

Fin dall"antichità, la gelosia ha sempre scaldato gli animi e scatenato duelli all"ultimo sangue. Oggi, nulla è cambiato, se non che al posto delle spade, a Imperia, i due contendenti si sono affrontati: uno armato di martello, l"altro di coltello. Da una parte, dunque, troviamo un italiano e dall"altra un marocchino. Al centro della disputa la gelosia per una donna. I due si sono incontrati per strada, in via Artallo, e subito sono scattate le scintille: dalle parole sono presto passati ai fatti.L"italiano, armato di martello, ha più volte colpito sulla testa e in volto il rivale marocchino, che a sua volta ha cercato di difendersi con la lama, un coltello a serramanico che teneva in tasca. A sedare gli animi è stato un poliziotto che attirato dalle grida di una donna è subito accorso per accertarsi di quanto stesse accadendo, poco lontano. Non appena avvicinatosi si è trovato di fronte ad una scena raccapricciante: il nordafricano in una pozza di sangue e l"italiano che brandiva la mazza.L"agente ha subito disarmato entrambi, quindi ha allertato i rinforzi e il personale sanitario del 118. Il marocchino è stato portato in ospedale e i medici gli hanno diagnosticato una frattura cranica. Gli investigatori, nel frattempo, hanno proceduto a una perquisizione in casa dell"italiano, trovando quaranta grammi di hascisc. Quest"ultimo è stato così denunciato oltre che per il reato di lesioni aggravate, anche per la detenzione di stupefacenti. Nel giro di qualche ora gli uomini della questura di Imperia sono riusciti a ricostruire la vicenda, all"origine della violenta aggressione.
Valentina Ferragni corre in clinica e preoccupa i suoi follower
ALTRO
Ieri 23-03-19, 12:33

Valentina Ferragni corre in clinica e preoccupa i suoi follower

Qualche ora di preoccupazione per la famiglia Ferragni. E questa volta a destare l'allarme dei follower è stata la salute del cagnolino di Valentina, sorella minore della celebre influencer Chiara. La più giovane Ferragni e cognata di Fedez, infatti, sarebbe corsa in clinica veterinaria con Pablo, trascorrendo momenti di apprensione per il suo animale domestico e documentando l'episodio nelle sue stories di Instagram.Secondo quanto riportato da Il Messaggero, infatti, Valentina avrebbe fatto sapere della disavventura spiegandolo direttamente: "Pablo è stato operato, ci ha fatto preoccupare ma ora sta bene. È un guerriero, sta ricevendo le cure migliori e tra qualche giorno sarà a casa". Pablo, molto somigliante a Matilda, il cane di Chiara, sarebbe ora fuori pericolo.
Elisabetta Gregoraci, incidente hot: la giacca del tailleur esplode in diretta Tv
ALTRO
Ieri 23-03-19, 12:30

Elisabetta Gregoraci, incidente hot: la giacca del tailleur esplode in diretta Tv

La bellissima Elisabetta Gregoraci è protagonista della nuova edizione del programma di Rai 2, Made in Sud. Non poteva che essere così visto che la showgirl è il volto storico della trasmissione comica sin dal 2008 ed ha affiancato nel corso delle stagioni dei cast eccezionali.In molti speravano di rivedere la Gregoraci che nelle precedenti edizioni con la sua bellezza e simpatia aveva riscosso il favore del pubblico ed, evidentemente, sono stati accontentati. "Sì, sono molto contenta e felice di tornare a Made in Sud, ormai a Napoli sono di casa, da tanti anni sono stata adottata dai partenopei e tomo qui appena posso, considero questa calorosa città come la mia seconda casa, d"altra parte anche io sono meridionale e tra calabresi e napoletani c"è sempre stato un buon feeling. La trasmissione è parte di me, il mio entusiasmo è alle stelle. A Made in Sud mi diverto tantissimo, la trasmissione mi fa tirare fuori la mia vena comica, così ci tenevo ad esserci, ma non potevo condurre, come ho fatto negli ultimi sette anni, per altri impegni lavorativi, mi piace dare un mio supporto, un mio personale contributo, in una veste del tutto diversa, più divertente ed ironica", commenta la Gregoraci.Infatti, il ritorno della showgirl è stato a dir poco esplosivo. Anche con un semplice tailleur interamente bianco è riuscita a catturare l"attenzione del pubblico, grazie a una scollatura che a fatica è riuscita a contenere. Fan e follower sono impazziti per l"audace outfit, che ha collezionato più di 26 mila like. Record anche di commenti, tra cui non mancano complimenti maliziosi e qualche critica. Come sempre c"è chi sottolinea il suo presunto ricorso alla chirurgia plastica. Visualizza questo post su Instagram Made in Sud .. last night grazie per il vostro affetto . . Abito @philippplein Gioielli @davitedelucchi Trucco e parrucco @lucarevelliUn post condiviso da Elisabetta Gregoraci (@elisabettagregoracireal) in data: Mar 19, 2019 at 4:24 PDT Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?
Karolina Bojar è l'arbitro più sexy del mondo: la modella fa impazzire il web
ALTRO
Ieri 23-03-19, 12:24

Karolina Bojar è l'arbitro più sexy del mondo: la modella fa impazzire il web

Karolina Bojar sta facendo il pieno di consensi e di follower su Instagram. L'arbitro più sexy del mondo, ha 20 anni è una modella e tifa Legia Varsavia. Il fischietto polacco sta incantando e facendo andare in delirio i tanti fan che non perdono tempo per commentare le sue tante foto sexy e per mettere maree di like. La bella Karolina, però, è anche studiosa dato che è iscritta alla Facoltà di legge ed ha anche tempo da dedicare al suo fidanzato.La Bojar è tanto attiva su Instagram e, come detto, ama condividere momenti della sua vita quotidiana e non solo: dagli allenamenti alle sue apparizioni tv, dalle vacanze alle uscite romantiche con il suo fidanzato, che naturalmente è molto invidiato dal pubblico social. Pare tra l'altro che anche il suo compagno sia un direttore di gara proprio come la sexy Karolina anche se naturalmente lui non ha fatto il pieno di consensi sui social. La giovane polacca, inoltre, ha molto polso sul rettangolo di gioco e in campo sa farsi rispettare dai giocatori che hanno la fortuna di poter essere diretti dall'arbitro più sexy del momento.[[gallery 1667581]]
Belen a "Verissimo": "Con Stefano faccio quello che dice il cuore ma ci vado cauta"
ALTRO
Ieri 23-03-19, 12:15

Belen a "Verissimo": "Con Stefano faccio quello che dice il cuore ma ci vado cauta"

Belen Rodriguez ha aspettato che Stefano de Martino facesse la prima mossa, prima di colpire. Dopo l'intervista rilasciata dal ballerino a Domenica In, anche la showgirl ha rotto il silenzio. Lo ha fatto, nel corso di un'intervista a Verissimo raccontando il motivo della fine della loro storia.Belen svela i motivi della fine delle sue nozzeNel corso dell'intervista al programma di canale 5, Verissimo, Belen Rodriguez ha parlato della sua vita professionale. La domanda sul suo possibile ritorno di fiamma con Stefano De Martino non è però mancata: "La storia dei miei genitori ha influito molto sulla mia persona perché li guardavo che stavano insieme nonostante le tante problematiche e mi faceva male non vedermi così. Non sto comunque confermando niente, pian piano e con discrezione vedremo. Il motore di questa cosa è stato lui - ha detto Belen Rodriguez - anche perché è stato lui ad aver sbagliato". Dalle parole di Belen quindi, si capisce che qualcosa tra i due si sta riaccendendo. Lei però, anche perchè c'è sua figlia di mezzo preferisce andare con i piedi piombo: "Sono questioni delicate e c"è una famiglia di mezzo con un bambino - spiega alla Toffanin -. Se parlo e dico delle cose che poi non si avverano faccio delle brutte figure".
Ciao Darwin, Povia attacca Ricky Martin: "No all'utero in affitto!"
ALTRO
Ieri 23-03-19, 12:13

Ciao Darwin, Povia attacca Ricky Martin: "No all'utero in affitto!"

La nuova puntata andata in onda lo scorso venerdì sera può dirsi all'insegna dei colpi di scena; ebbene sì, il noto format condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti, Ciao Darwin, è tornato a registrare dati di ascolto stellari, soprattutto grazie al parterre di ospiti d'eccezione, che ad oggi hanno vestito i panni di capisquadra. Nell'ultima sfida darwiniana, si sono battute la squadra del Family Day e quella del Gay Pride, da un lato le famiglie tradizionali e dall'altro il policromo mondo delle unioni civili, ma a catalizzare l'attenzione mediatica in particolar modo sono state alcune esternazioni fatte dal cantante e vincitore del Festival di Sanremo, Giuseppe Povia.Povia vs. Ricky Martin"Quando è nata la famiglia non esisteva la Chiesa. Meno male che siamo in democrazia, scontri alla stregua di questo dibattito avvengono quando l'ideologia supera la biologia. Ma io sono contro la vergognosa pratica dell'utero in affitto", queste ultime sono solo alcune delle scottanti parole spese dal caposquadra delle famiglie tradizionali, Giuseppe Povia, apparso in studio in una perfetta forma fisica (clicca sul link ipertestuale per guardare il défilé). Parole quelle rilasciate dal cantante etero che Vladimir Luxuria e la compagine rappresentante del mondo del Gay Pride non hanno proprio mandato giù, insorgendo contro Povia al grido di "Bravoh!". "Sono contro, assolutamente contro, a quella vergognosa pratica dell"utero in affitto che si pratica anche tra persone famosissime come Elton John e Ricky Martin. Con questa pratica si sfruttano due donne, una bella e sana per inseminarla a cui viene poi tolto l"ovocita per darlo ad una disgraziata del Terzo Mondo che partorisce e vende il bambino. È mercimonio, è compravendita. I bambini non si toccano!", ha tuonato il cantautore de "I bambini fanno ooh", dicendosi quindi contro il "traffico degli embrioni".Dal canto suo, Vladimir Luxuria ha controbattuto, dicendosi però parzialmente concorde rispetto a quanto ha dichiarato Povia, "Non ci sto! Davanti alle menzogne non ci sto! Io sono contraria all"utero in affitto, che praticano coppie etero che vanno in India. Qui sfruttano le donne che vivono in povere condizioni. Io sono a favore di quelle donne che lo fanno come atto d"amore", ha chiosato Vladimir. A vincere la sfida della discussione in studio è stato Povia, che ha battuto la sua diretta avversaria Vladimir Luxuria. Voi da che parte vi schierate?Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it su Facebook? Visualizza questo post su Instagram #povia e #vladimirluxuria discutono a #ciaodarwin sulla pratica dell #uteroinaffitto... E voi da che parte state? #gossipetvUn post condiviso da Gossipetv (@gossipetv) in data: Mar 22, 2019 at 4:59 PDT
Perché l’olio da frittura è cancerogeno
ALTRO
Ieri 23-03-19, 12:05

Perché l’olio da frittura è cancerogeno

L"olio da frittura è dannoso la salute del nostro organismo. Riutilizzarlo più volte scatena molte patologie alle vie respiratorie e fa aumentare il rischio di tumore al seno e ai polmoni.A confermare questa tesi è una recente ricerca condotta dall" Università dell"Illinois. I ricercatori hanno scoperto che l"olio utilizzato per friggere può innescare dei cambiamenti genetici altamente pericolosi. Esso promuove la proliferazione delle cellule tumorali. Agisce sia sulle metastasi che sul cambiamento metabolico dei liquidi.La ricerca approfondita è stata condotta sui topi divisi in due gruppi. Il primo gruppo si cibava di olio di soia non riscaldato. Il secondo gruppo, invece si alimentava di olio che aveva subito numerose variazioni termiche. In una seconda fase nei topi sono state iniettate cellule cancerogene di tumore al seno in stato avanzato. Dalla ricerca è emerso che dopo venti giorni i topi che i erano cibati dell"olio riutilizzato più volte sviluppavano più metastasi del tumore mammario rispetto al gruppo alimentato con olio di soia non riscaldato.Questo effetto dannoso per la salute si verifica perché l"olio da frittura riutilizzato più volte produce una sostanza chimica tossica chiamata acroleina. Essa è dannosa per il nostro organismo. È addirittura la responsabile di problemi gravi di salute come lo sviluppo di numerose malattie cardiache e l"arteriosclerosi.L"acroleina, la sostanza tossica responsabile dell"azione cancerogena dell"olio da frittura si forma durante il processo di riscaldamento dell"olio per effetto degli acidi grassi legati alla glicerina che si separano per idrolisi in presenza di acqua. Quando si forma l"acroleina si separa dall"olio da frittura sotto forma di cappa di fumo. Il fumo sprigionato risulta molto irritante sia per gli occhi che per le vie respiratorie. Ora si spiega perché molti cuochi o addetti alla cucina sono maggiormente a rischio malattie respiratorie e agli occhi.
Ira di Salvini contro Tria e l'Ue: "Mi sono rotto le palle..."
ALTRO
Ieri 23-03-19, 11:45

Ira di Salvini contro Tria e l'Ue: "Mi sono rotto le palle..."

Non ce l'ha solo con Conte e il suo "fare il fenomeno". Matteo Salvini stamattina ha messo nel mirino il ministero diretto da Giovanni Tria. Il ministro dell'Economia, infatti, sarebbe colpevole di "metterci troppo" a licenziare la pratica dei risarcimenti ai truffati delle banche Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara, CariChieti.Sui rimborsi il dossier infatti "c'è il Mef", ma - dice il ministro dell'Interno - ci sta mettendo un po' troppo tempo per i miei gusti". Il leader della Lega è al Forum di Confcommercio e a chi gli chiedeva il perché dei ritardi, ha risposto così: "A proposito di Europa, al Mef stanno aspettando la risposta dell'Europa, mi sono rotto le palle e oggi lo dirò allo stesso ministro dell'Economia, perché i risparmiatori non possono aspettare tempi e dubbi dell'Europa". Il fatto è che i decreti "li deve firmare lui", cioè Tria, Salvini non può far altro che "chiedergli di farlo".Gli screzi di questi giorni, almeno nelle dichiarazioni ufficiali, non dovrebbero però portare a crisi di governo. "Sono sempre più convinto che questo sia un governo di legislatura - ha promesso il leghista - Se dipende da me, arriva fino alla fine, mantenendo gli impegni presi". Resta da capire cosa succederà una volta chiuse le urne per le europee, se - come sembra - la Lega dovesse staccare di molto l'alleato grillino.Il ministro ne ha approfittato anche per parlare del futuro dell'Ue in vista delle elezioni del prossimo maggio. "L'Europa è fondamentale e saremo noi, additati come populisti e sovranisti, a salvarla - ha assicurato il vicepremier - L'Europa si salva solo se cambia e se torna alla sua missione originale, rispettando patrie, popoli ed economie, mettendo in comune il destino". Da Cernobbio il titolare del Viminale promette di lasciare "ai nostri figli" un'Ue "che sia meglio di questa". "Quando ho letto l'appello del presidente Prodi di mettere la bandiera europea fuori dalla finestra - ha concluso - io ho messo quella del Milan, perché io voglio qualcosa di cui andare orgoglioso".
Wanda Nara in Argentina mostra il suo lato sexy
ALTRO
Ieri 23-03-19, 11:34

Wanda Nara in Argentina mostra il suo lato sexy

Wanda Nara divide: o piace o non piace. La bionda argentina non suscita mai sentimenti neutri, ha una personalità talmente forte che la porta a essere continuamente al centro dell'attenzione per un motivo o per un altro. Dopo le recenti polemiche con l'Inter per il trattamento riservato a suo marito Mauro Icardi e dopo gli scontri con sua cognata Ivana Icardi, Wanda Nara ha trovato un altro modo per far parlare di sé, stavolta senza polemiche.Nelle ultime ore è apparso sul suo profilo Instagram un nuovo scatto molto sexy della bionda argentina, in cui mostra il suo fisico perfetto da un'angolazione molto particolare. Il costume bianco non lascia molto spazio all'immaginazione, così come il top che esalta le curve bombastiche. Tuttavia, è forse il sorriso a essere l'elemento più bello di questa immagine, sicuramente all'altezza del suo fisico stratosferico. Da pochi giorni è volata in Argentina per andare a trovare la sua famiglia e ritagliarsi qualche momento di meritato relax dopo le tensioni con l'Inter, senza però rinunciare agli affari e al lavoro. Wanda Nara non è certo nuova a queste fotografie e i suoi follower lo sanno molto bene, tanto che le immagini della moglie di Mauro Icardi fanno sempre il pieno di like, soprattutto quelle in cui l'argentina scopre con orgoglio pezzi del suo corpo.Il fisico statuario di Wanda Nara è da sempre uno dei suoi migliori biglietti da visita. Nonostante le diverse gravidanze alle spalle, la donna più temuta dalla dirigenza dell'Inter ha un fisico tonico e asciutto. Ora che Mauro Icardi ha ripreso gli allenamenti con la sua squadra dopo un mese di totale lontananza dalle attività agonistiche dell'Inter per i dissapori noti, anche Wanda Nara sembra aver ritrovato un po' più di serenità. Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da Wanda nara (@wanda_icardi) in data: Mar 22, 2019 at 2:03 PDT
Ex Roma, Mido insulta un tifoso sui social: licenziato e a rischio fustigazione
ALTRO
Ieri 23-03-19, 11:25

Ex Roma, Mido insulta un tifoso sui social: licenziato e a rischio fustigazione

Mido, ex attaccante della Roma, in carriera ha vestito diverse maglie e ha giocato in tanti campionati europei: Belgio, Olanda, Ligue 1, Liga, Premier League, Serie A. Il 36enne egiziano è sempre stato una testa calda da giocatore e anche da allenatore sta dimostrando di avere un carattere fumantino. Mido, infatti, ha appena perso il ruolo di allenatore dell'Al-Wahda Fcper per avere insultato un tifosi della squadra araba su Twitter. Secondo quanto riporta il quotidiano inglese Sun, il club ha deciso di utilizzare il pugno duro contro Mido e ha dunque deciso di licenziarlo.Questo supporter ha invitato l'ex Tottenham e Ajax a rassegnare le dimissioni con l'egiziano gli ha risposto per le rime e in maniera maleducata: questa cosa potrebbe addirittura costargli la fustigazione. Dopo la sconfitta per 4-0 dell'Al-Wahda contro l'Al-Nassr, infatti, il tifoso gli ha scritto: "Per favore dimettiti come allenatore, comprendiamo il tuo stile ma non è utile. Le tue parole sono buone ma come allenatore non sei così bravo". Poi, la risposta molto offensiva di Mido, immediatamente cancellata. L'ormai ex allenatore ha però negato di essere il responsabile dell'accaduto, affermando come il suo profilo Twitter fosse stato violato: "Rispetto la decisione del club ma il mio account è stato violato e userò tutti i miei strumenti legali per dimostrarlo".
Sci, brutta tegola per Innerhofer: cade e si rompe il crociato
ALTRO
Ieri 23-03-19, 11:24

Sci, brutta tegola per Innerhofer: cade e si rompe il crociato

Brutte notizie per lo sci italiano e per il diretto interessato Christof Innerhofer che si è rotto i legamenti del ginocchio sinistro durante il SuperG dei campionati italiani sulla nuova pista Vertigine di Cortina. Il velocista azzurro, infatti, dopo aver fatto segnare il miglior tempo crono nel primo intertempo, è caduto sulla pista di atterraggio procurandosi la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: una vera disdetta per il 34enne di Brunico che dovrà ora restare fermo per diverso tempo perdendo gran parte della preparazione in vista della prossima stagione di sci.Innerhofer è stato subito trasportato all'ospedale austriaco di Innsbruck, in Austria e il campione del mondo del 2011 verrà operato nelle prossime ore. Per la cronaca, il SuperG è stato vinto da Matteo Marsaglia che si è portato a casa anche la discesa libera. Lo sciatore romano si è messo alle spalle Mattia Casse e Dominik Paris che hanno vinto la medaglia d'argento ad ex aequo, staccati di 63 centesimi dal vincitore della gara. Per quanto concerne le donne, invece, il titolo dello slalom è andato alla 21enne altoatesina Vera Tschurtchentaler che ha chiuso al primo posto davanti a Lara Della Mea e Chiara Costazza, all"ultima gara della carriera.
Reddito di cittadinanza, ai Caf più di 500mila domande e il 6,8% sono under 30
ALTRO
Ieri 23-03-19, 11:18

Reddito di cittadinanza, ai Caf più di 500mila domande e il 6,8% sono under 30

Dall'entrata in vigore del reddito di cittadinanza sono passate due settimane esatte. In quindici giorni, sono stati oltre 500mila gli italiani che si sono rivolti agli sportelli dei Caf per ottenere la misura voluta dal Movimento 5 Stelle. E il numero sottolinea come, complessivamente, oltre la metà dei potenziali beneficiari ha già presentato le proprie domande. Di recente, l'Istat aveva identificato una platea di circa 1,3 milioni di nuclei che avrebbero potuto accedere al sussidio pentastellato; circa la metà di questi sarebbe composta da singoli e l'altra metà da famiglie con diverse tipologie di componenti. A comunicare il dato, in queste ore, la Consulta Nazionale dei centri d'assistenza fiscale, che ha elaborato i numeri raccolti in dieci città campione, distribuite su tutto il territorio nazionale, su 7.964 domande presentate fino al 20 marzo. Sono state prese in esame Torino, Milano, Venezia, Livorno, Grosseto, Roma, Napoli, Cosenza, Bari e Palermo.I dati in base al genereSecondo quanto emerso dagli studi, l'analisi dei dati segnala che maschi e femmine, a livello nazionale, si equivalgono, con un 50,6% degli uomini e un 49,4% delle donne, mentre, a livello di suddivisione per aree del Paese, si assite a uno sbilanciamento notevole al centro, con il 42,8% di cittadini contro il 57,2% di cittadine.I MillenialsUno scompenso analogo, ma in questo caso verso il sud, è stato riscontrato anche per i Millenials, i richiedenti under 30. Che sono il 6,8% in media solo perché trascinati da una percentuale al sud del 10,3%, mentre al nord sono il 4,7% e al centro il 3,2%.Le famiglie e i singoliOtto domande su dieci vengono depositate da nuclei familiari e, anche in questo caso, le percentuali cambiano in base alle aree: mentre al nord e al centro il reddito è chiesto da persone "singole" per iln 21% e il 23%, al sud il numero si abbassa fino al 12,4%. I cittadini stranieriLe domande presentate da cittadini stranieri arrivano al 9,5% e, secondo quanto rivelato dall'indagine, la loro percentuale ha un picco al nord, con il 15,4%. Scende al centro, al 9,3% e "crolla" nelle regioni meridionali al 3,4%.